Francia paralizzata dagli scioperi: scontri e roghi a Parigi. Macron si gioca la sua immagine di riformatore

Danilo Ceccarelli
Parigi

I primi lacrimogeni vengono lanciati dalla polizia nei pressi di Place de la République proprio quando il corteo era sul punto di partire. Pochi metri più là, una colonna di fumo comincia ad alzarsi da un cestino della spazzatura dato alle fiamme, mentre intorno un gruppo di individui vestiti di nero comincia a coprirsi il volto in vista della battaglia.

 

Parigi ha cominciato così la sua manifestazione contro la riforma delle pensioni, in una giornata di mobilitazione che ha bloccato tutta la Francia registrando una forte partecipazione. Una mobilitazione annunciata da mesi, che con il passare delle settimane ha acquistato sempre più importanza, fino a sfociare in una protesta generale che ha investito tutto il paese. Oltre ai lavoratori del settore ferroviario, oggi in strada ci sono assistenti di volo, avvocati, lavoratori del settore ospedaliero e pompieri, tutti insieme per fare blocco contro una riforma che rischia di diventare il nuovo scoglio da superare per Macron.

Nella capitale francese il clima è surreale fin dal mattino. La città è bloccata, le stazioni della metropolitana sono quasi tutte chiuse, così come i negozi, che hanno abbassato le saracinesche per evitare le solite devastazioni. Air France ha annullato il 30 per cento dei suoi voli, mentre le ferrovie nazionali hanno annunciato un solo Tgv su dieci in servizio. Nel pubblico, invece, è un lavoratore su quattro ad aver incrociato le braccia.

I primi manifestanti cominciano ad arrivare davanti alla stazione di Gare du Nord, punto di partenza del corteo che nel tardo pomeriggio ha raggiunto Place de la Nation. Tra le tante bandiere sindacali e gli striscioni spicca il primo gruppo di gilet gialli.

“I sindacati all’inizio ci hanno abbandonato”, dice Lucien, operaio specializzato di 21 anni. “C’è stata una vera scissione tra la dirigenza e la base, che non ha mai smesso di protestare con noi in questi mesi”, racconta il ragazzo mentre cerca di accendersi una sigaretta...

Continua a leggere su HuffPost