I genitori svelano come prendersi cura di un bambino

·9 minuto per la lettura
prendersi cura di un neonato
prendersi cura di un neonato

Prendersi cura di un neoato non è certamente semplice, ma le prime settimane saranno più facili se sei preparata. Ecco alcuni consigli di genitori esperti.

Prendersi cura di un neonato: preparati il più possibile in anticipo

“Trova una buona consulente per l’allattamento, preferibilmente prima del parto. Mio figlio ha avuto grossi problemi di alimentazione la prima settimana o due, e vorrei aver messo in fila qualcuno per le consulenze prima del tempo. Mi avrebbe risparmiato molte lacrime e sentimenti di inadeguatezza durante un periodo ormonalmente tumultuoso”.

– Maria

“Essere pronti dal punto di vista alimentare quando arriva il bambino è qualcosa a cui non ho mai nemmeno pensato con il mio primo. Consiglio vivamente di cucinare e congelare i pasti preferiti. In alternativa, fate scorta di roba dalla sezione delle casseruole congelate al negozio. Mio marito non può cucinare e non vogliamo morire di fame o vivere di cibo da asporto come abbiamo fatto dopo il nostro primo bambino! Questa volta sto facendo scorta per almeno le prime sei settimane”.

– jnjnich3

“Fai scorta di cibo e altre necessità. Ero totalmente impreparata a quanto sarei stata sopraffatta – cioè, avevo zero tempo o inclinazione per andare a fare la spesa e preparare i pasti. Ho passato un sacco di tempo prima della nascita di mio figlio a preparare la sua stanza, quando avrei dovuto preparare e congelare i pasti. La consegna della pizza e il cibo da asporto non possono che portarti fino a un certo punto”.

– Leslie

“Segui un corso sulla cura dei neonati attraverso il tuo ospedale. Imparerai le basi per tenerli, fargli il bagno in sicurezza, nutrirli e così via. Ti farà sentire molto più a tuo agio nelle prime settimane, quando il tuo bambino sembra così fragile”.

– Diana

“La cosa più utile per quanto riguarda la pianificazione è stata stabilire chi mi avrebbe aiutato in certi momenti della giornata. Mio marito ha chiesto una vacanza per la settimana in cui è nato il bambino, e mia madre ha preso le ferie la settimana successiva. Inoltre le mie sorelle chiamavano per vedere se avessi bisogno di aiuto o di pause. Era fantastico sapere che avevo persone che potevano e volevano aiutarmi, e in quali orari erano disponibili”.

– Anon

Prendersi cura di un neonato: chiedi – e accetta – aiuto

“Usa le tue risorse: la mamma, la nonna, il personale del tuo ospedale, il pediatra, gli amici con figli. Amano rispondere alle domande, e ricorda che nessuna domanda è stupida”.

– Jodi

“Accetta l’aiuto quando ti viene offerto! Se gli amici ti chiedono cosa possono fare, suggerisci loro di prepararti i pasti o di fare da babysitter ai tuoi figli più grandi. Assumete qualcuno per pulire. Manda i più piccoli al campo estivo. Nessuno ti accuserà di essere egoista o una cattiva madre. È l’unico modo per mantenere la vostra sanità mentale. (E ti permetterà di passare del tempo da sola con il tuo nuovo fagottino di gioia)”.

– Marti

“Non cercare di essere un eroe! Le nuove mamme (me compresa) hanno questa folle idea che dovrebbero essere in grado di fare tutto da sole ed essere “supermamme” fin dall’inizio! Vi farete solo del male. Riposatevi e accettate l’aiuto. Se qualcuno vi chiede se c’è qualcosa che può fare per voi, dite di sì, e poi siate specifici! “Puoi prendere dei pannolini e delle salviette per me? “Puoi aiutarmi con l’aspirapolvere?” Le persone vogliono aiutare, e le richieste specifiche fanno sapere che stanno facendo cose che faranno davvero la differenza”.

– Laura

Prendersi cura di un neonato: lascia che sia la segreteria telefonica a parlare

“Se le telefonate sono importanti, la gente richiamerà. Il mio compagno non capiva perché non rispondessi al telefono quando era al lavoro, finché non è rimasto a casa un giorno. A volte è più facile lasciare che sia la segreteria a prendere una chiamata. Puoi rispondere quando te la senti”.

– Tarita

“Una cosa che abbiamo fatto per sopravvivere alle prime settimane con il nostro neonato è stata quella di lasciare un aggiornamento del bambino come messaggio in segreteria. Riposare e dormire era così difficile in quelle prime settimane che abbiamo spento la suoneria del telefono, cambiato il messaggio periodicamente, ringraziato le persone per aver chiamato per sapere come stavamo e chiesto loro di lasciare i messaggi. Abbiamo promesso che ci saremmo messi in contatto con loro quando fosse stato conveniente”.

– Janet

Prendersi cura di un neonato: accetta i visitatori solo quando sei pronto

“Decidete quale sarà la vostra politica sui visitatori. Includete alcune regole per parenti e amici, che a volte credono di avere il diritto o il dovere di passare ogni secondo della giornata con voi e il bambino. Sì, avrete bisogno di molto aiuto, ma questo non significa la fine della vostra privacy, e non tutti i visitatori saranno utili”. Ricordate ai vostri ospiti, tuttavia, di lavarsi le mani prima di tenere in braccio il piccolo.

– Poli

Prendersi cura di un neonato: riposare

“Quello che ricordo di più è stato cercare di fare un pisolino mentre il bambino lo faceva. Lascia che le faccende domestiche aspettino. Hai bisogno di dormire molto più di quanto la casa abbia bisogno di passare l’aspirapolvere!”.

– Donna

“Durante le prime sei settimane di mia figlia, ho imparato che tutti gli articoli che ti dicono di riposare quando lo fa il bambino sono in realtà giusti. Ogni volta che mia figlia faceva un pisolino, di solito mi mettevo in pari con i lavori di casa, ma alle 19 ero già addormentata sul pavimento. Qualunque cosa faccia, assicurati di riposare. Aiuterà te e il bambino”.

– Misty

Prendersi cura di un neonato: andare fuori

“Ricordo il camminare per casa con un bambino capriccioso mentre fuori il sole splendeva così luminoso. Quando portavo fuori il bambino, lo tenevo ancora in braccio, quindi non mi sembrava una gran pausa. Poi un giorno ho messo un grande piumone sull’erba sotto un albero e ci ho messo sopra una trapunta per bambini. Ora, ogni giorno che è bello fuori, ci sdraiamo in giardino. Lo facciamo da quando Noah aveva un mese e lo adora! Assicurati di vestire il tuo bambino in modo appropriato e assicurati di stare lontano dal sole. È un modo molto rilassante di condividere l’aria aperta con il tuo bambino”.

– Tracie

Prendersi cura di un neonato: conoscere i propri limiti

“Se ti senti sopraffatta, depressa ed emotivamente instabile, potresti avere un problema più serio del semplice “baby blues”. Non mi sono resa conto di avere una depressione post-partum fino a quando mio figlio aveva quasi 6 mesi e ho finalmente ricevuto l’aiuto di cui avevo bisogno. Non vergognarti o sentirti in colpa di aver deluso qualcuno. Fatti aiutare. È la cosa migliore che puoi fare per te stessa e per la tua famiglia”.

– Anon

“Mia figlia non ha dormito tutta la notte fino a quasi 2 anni, quindi quei primi mesi sono stati molto difficili. A volte le davo da mangiare, le cambiavo il pannolino, la mettevo a suo agio e poi la mettevo nella culla, chiudevo la porta e andavo a dormire per un’ora. Era l’unico modo per mantenere la mia sanità mentale. Anche se mi sentivo in colpa a lasciarla piangere, sapevo che non potevo prendermi cura di nessuno dei due quando avevo problemi a tenere la testa a posto! Quei piccoli sonnellini mi hanno salvato”.

– Belletoil

“Se sei allo stremo delle forze perché il tuo bambino non smette di piangere, e non ha fame, non ha freddo, non è bagnato, non è malato o ferito, e hai paura di far male a te stessa o al bambino, mettilo in un posto sicuro. Poi esci dalla stanza per cinque o dieci minuti finché non ti sei calmata”.

– La madre di Gabriel

Nota: se senti di non riuscire a controllare la tua rabbia, metti il bambino in un posto sicuro (come una culla o un parco giochi) e chiama un amico o un parente che venga a stare con il tuo bambino per un po’. Se non c’è nessuno che puoi chiamare per venire a sostenerti di persona, chiama la linea diretta nazionale per gli abusi sui minori. Non scuotere mai il tuo bambino; in soli cinque o dieci secondi di scuotimento, un bambino può subire danni gravi e permanenti o persino la morte.

Prendersi cura di un neonato: trova fornitori di assistenza sanitaria solidali

“Ricordo che quando ho portato il mio primo figlio a casa dall’ospedale, ero terrorizzata. Avevo così paura che la gente mi considerasse un’idiota per aver fatto domande stupide. Alla fine, dopo aver sbagliato la prima volta, ho trovato una grande pediatra che aveva un’infermiera molto paziente e comprensiva nello staff. Rispondevano ad ogni domanda, sia totalmente stupida che del tutto pertinente”.

– Anon

Fidati del tuo istinto

“Ho semplicemente seguito il mio istinto – non importa quale fosse. Sapevo che stavo attraversando un periodo difficile e che avrei fatto degli errori, ma avevo bisogno di farlo per imparare cosa fosse meglio per il mio bambino e per me. Il periodo post-partum può fare cose folli alla tua mente. Ti metti in discussione incessantemente, ma scoprirai che il tuo istinto ti farà andare avanti. Non c’è bisogno di giustificare nulla a nessuno. Devi concentrarti su di te e sul tuo piccolo”.

– Maria Kae

prendersi cura di un bambino
prendersi cura di un bambino

Dì a te stessa: anche questo passerà

“Quando cominci, pensi: “Non sarò mai brava in questo”, e poi diventa una seconda natura. Il bambino diventa parte integrante della tua vita così che non potresti immaginare un momento in cui non sei stato genitore. Quindi rilassati, goditi i momenti belli e brutti, perché il tuo bambino cresce così in fretta. Alla fine, ogni bambino dormirà di più (e anche tu), e ogni bambino sarà più indipendente. Non dimenticherete mai la prima volta che il vostro bambino vi sorride o la prima volta che vi guarda e vi chiama “Mama” o “Papa” o le volte che si addormenta sul vostro petto. Fa impallidire tutte le altre cose frustranti in confronto”.

– Scott e Dorinda

“Prendete un giorno alla volta, non preoccupatevi della prossima settimana finché non arriva, e sappiate che qualsiasi cosa accada – il vostro bambino non smette di piangere, qualcosa è nuovo per voi, cominciate ad andare in panico per qualcosa – andrà tutto bene! Il tuo bambino è nuovo a tutto questo proprio come te”.

– Allison

come prendersi cura di un neonato
come prendersi cura di un neonato

Goditela finché dura

“Con il mio primo bambino stavo solo cercando di superare i primi due mesi! Non potevo aspettare che dormisse tutta la notte. Che errore è stato. Il miglior consiglio che posso darvi è che il vostro bambino sarà un neonato solo per pochi mesi, quindi respirate e godetevi ogni pianto e ogni momento. Quando comincerete a sentirvi come se non riusciste a gestire tutto quello che sta succedendo, ricordatevi solo che finirà più velocemente di quanto possiate immaginare!”

– Anon

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli