George Clooney è l’uomo più romantico del mondo, e adesso ne abbiamo la conferma

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Clemens Bilan - Getty Images
Photo credit: Clemens Bilan - Getty Images

From ELLE

È stato in ginocchio venti minuti per il ma ne è valsa la pena. George e Amal Clooney sono marito e moglie da sei anni e mezzo e possiamo già scommettere che non cadranno nel cliché della crisi dei sette (nonostante il gossip ci provi sempre a metterci la pulce nell'orecchio). Il lockdown con i figli Ella e Alexander che parlano l'italiano alla perfezione e lo usano come arma per non sistemare i giochi sparsi per casa, non sembra aver intaccato l'armonia di casa Clooney, anzi. In particolare un'abitudine super romantica di George non è cambiata ai tempi del coronavirus e ci conferma quanto Amal sia fortunata (e già ne avevamo praticamente la certezza). Mr Clooney, 60 anni il prossimo 6 maggio, ha confessato di amare scrivere lettere d'amore alla moglie e di averlo fatto anche durante la quarantena.

Photo credit: Kevin Winter - Getty Images
Photo credit: Kevin Winter - Getty Images

"Anche in lockdown non ho smesso di scriverle lettere e di metterle sulla sua scrivania e lei faceva lo stesso lasciandomela sotto al cuscino", ha raccontato al magazine dell'associazione AARP, "sono un grande sostenitore delle lettere. Ne ho una di Paul Newman, Walter Cronkite, Gregory Peck. Le ho incorniciate tutte in casa mia. Un messaggio non sarebbe stato lo stesso. Forse è una cosa generazionale e non sarà più così fra vent’anni, ma per me è importante sapere che qualcuno si è seduto e ha scritto una lettera". Un amore "epistolare" un po' d'antan ma estremamente romantico che si trasforma così in ricordi indelebili. Un'abitudine scripta manent che George vuole trasmettere anche a Ella e Alexander, che quest'anno spegneranno 4 candeline: per loro appuntamento fisso con la lettera firmata da mamma e papà quando i genitori si concedono un fine settimana senza i bambini o partono per un viaggio di lavoro.

Photo credit: Robino Salvatore - Getty Images
Photo credit: Robino Salvatore - Getty Images

Ella e Alexander che in controtendenza con la consuetudine di Hollywood e dintorni hanno due nomi tradizionali (hai detto Apple Martin?). "Non volevo nomi strani per i nostri figli", ha detto George, "avranno già abbastanza problemi nella loro vita. È difficile essere il figlio di qualcuno famoso e di successo. Il figlio di Paul Newman si è ucciso. Il figlio di Gregory Peck si è suicidato. Bing Crosby ha avuto due figli che si sono tolti la vita. Io ho il vantaggio di essere così tanto più grande di loro che quando si sentiranno in competizione io starò letteralmente fuori dai giochi". Dear Amal...