George Clooney alla soglia dei 60 è più innamorato che mai della moglie Amal (e non esclude un altro figlio)

Di Monica Monnis
·3 minuto per la lettura

Giovedì 6 maggio saranno 60, e da tradizione è tempo di bilanci. George Clooney arriva al traguardo più in forma che mai e consapevole all'ennesima potenza di essere un ragazzo fortunato. Il lavoro non potrebbe andare meglio: dopo il successo di The Midnight Sky, oggi è alle prese con The Tender Bar, il suo ottavo lungometraggio da regista e adattamento dell'omonimo libro di memorie del 2005 di J. R. Moehringer che avrà come protagonista niente di meno che Ben Affleck. Ma al primo posto della sua top list, con stacco abissale su tutto il resto, la famiglia, l'amore per la moglie Amal e per i loro due figli Ella e Alexander.

Photo credit: Mike Coppola - Getty Images
Photo credit: Mike Coppola - Getty Images

"George e Amal sono sempre più uniti", ha detto una fonte a Us Weekly parlando dell'armonia di casa Clooneys (e pensare che il fantagossip da lockdown parlava di crisi e rottura...), "lui dice a tutti di essere stato lui a vincere alla lotteria sposando Amal e non viceversa". George innamorato pazzo, dunque, ci terrebbe a ribaltare l'idea comune che sia stata l'affascinante avvocatessa libanese ad aver sbancato il jackpot accalappiandosi lo scapolo d'oro di Hollywood. "Per tanto tempo George ha dubitato che avrebbe mai incontrato quell’anima gemella che aveva sempre sognato", ha continuato l'insider ricordando i tempi in cui Clooney sembrava allergico solo all'idea di mettere su famiglia, "poi però è arrivata Amal ed è cambiato tutto. Ecco perché non è affatto un’esagerazione dire che lei gli ha fatto perdere letteralmente la testa, tanto che lui la considera straordinaria e ripete a tutti che è lui quello che ha vinto il jackpot, non lei".

Photo credit: RB/Bauer-Griffin - Getty Images
Photo credit: RB/Bauer-Griffin - Getty Images

Sarebbe stato proprio il lockdown a unirli ancora di più: "Anche in lockdown non ho smesso di scriverle lettere e di metterle sulla sua scrivania e lei faceva lo stesso lasciandomela sotto al cuscino", aveva raccontato al magazine dell'associazione AARP, confermando di essere il marito più romantico del mondo. "Essere a Los Angeles ha dato loro la possibilità di vivere come una vera famiglia e di stare più a lungo con i gemelli, dividendosi le responsabilità genitoriali e ora George e Amal sono più uniti e solidi che mai", le parole della fonte a Us Weekly. Lo stesso George parlando con Today il mese scorso aveva confermato l'idillio da confinamento: "In sette anni di matrimonio non abbiamo mai litigato e questa è una cosa che fa sempre arrabbiare le altre persone quando la dico. Abbiamo una vita meravigliosa insieme, siamo entrambi impegnati con i rispettivi lavori, eppure molto coinvolti l’uno nella vita dell’altra e questo è davvero bello".

Photo credit: PIERRE TEYSSOT - Getty Images
Photo credit: PIERRE TEYSSOT - Getty Images

George e Amal si sono sposati a Venezia nel settembre 2014 e tre anni dopo hanno dato il benvenuto ai gemelli Ella e Alexander, monelli qb che parlano l'italiano alla perfezione e lo usano come arma per non sistemare i giochi sparsi per casa. Sempre nell'intervista con Today, l'attore aveva elogiato la paternità definendola più importante di qualsiasi premio o soddisfazione in quel di Hollywood. "Ci sono alcune persone il cui obiettivo è avere figli", la sua dischiarazione, "il mio non lo era e non mi sentivo insoddisfatto di non averne. Anzi, pensavo di avere una vita piuttosto piena già così, poi ho incontrato Amal e mi sono invece reso conto di quanto fosse vuota e quando infine sono arrivati i ragazzi, ho capito all’improvviso come fosse incredibilmente vuota la mia vita. Una famiglia riempie ogni cosa e rende tutto divertente".

Photo credit: Marc Piasecki - Getty Images
Photo credit: Marc Piasecki - Getty Images

Quindi, terzo figlio in arrivo? "George non è del tutto contrario a questa idea, resta il fatto che è felice di quello che ha come lo è anche Amal", ha detto l'insider, "ma è la classica situazione del 'mai dire mai'. Sembra improbabile, ma non impossibile". Improbabile ma non impossibile, ricevuto.