Gianni Sperti parla dell'ex moglie Paola Barale: la sua versione è diversa


Gianni Sperti, intervistato dal settimanale "Novella 2000", è tornato a parlare dell'ex moglie Paola Barale. I due sono stati sposati dal 1998 al 2002.
L'opinionista di "Uomini e Donne" ha fatto sapere di avere solo bei ricordi degli anni passati insieme alla showgirl.
"Non ho molto da aggiungere a quanto detto in altre occasioni. Ognuno di noi ricorda quello che vuole ricordare, ognuno è libero di avere ricordi positivi o ricordi negativi. […] A me restano solo ricordi positivi, quando mi capita di pensarci", ha dichiarato.
Gianni ha anche precisato di non avere nessun tipo di risentimento nei confronti di Paola nonostante quest'ultima non abbia sempre usato parole gentili nei suoi confronti.
"Sono al 50% buddista, credo che bisogna vivere un po’ cercando di prendere il meglio, trasformando le cose negative in positive. Non ho niente da recriminare", ha affermato il 49enne.
In una precedente intervista rilasciata a "Verissimo" la Barale aveva detto di non essere rimasta in buoni rapporti con nessuno dei suoi ex storici, ovvero proprio Sperti e Raz Degan.
"Se sono rimasta amica dei miei ex storici? No, di nessuno dei due. Più cadi dall’alto più male ti fai. In entrambi i casi sono caduta da molto alto. Ho sempre creduto a loro e a voi sembrano molto diversi come personaggi, ma con me si sono comportati allo stesso modo. Tutti e due non hanno avuto il coraggio di dimostrarsi per quello che realmente sono. Gianni e Raz non hanno avuto il coraggio di essere loro stessi, per motivi diversi però. Sono fatti della stessa essenza, quella che a me non piace. Io da un uomo voglio lealtà, verità e comprensione e non l’ho avuta da loro. Il motivo della rottura? Sono state due persone poco leali con me", aveva raccontato ai microfoni di Silvia Toffanin.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli