Gli account Instagram che hanno trovato nella pandemia una fonte di ispirazione

Di Michele Boroni
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Covidartmuseum - Instagram
Photo credit: Covidartmuseum - Instagram

From ELLE Decor

La pandemia che stiamo vivendo è tragica e per certi versi anche devastante. Ma, come in molti altri episodi drammatici della storia, può anche diventare una profonda fonte di ispirazione per molti artisti, che riescono a cogliere emozioni, punti di vista e realtà associate al nuovo mondo che emerge dal coronavirus attraverso le loro opere.

Le mascherine, le città vuote, il contactless, i ristoranti e i cinema chiusi, la quarantena e in generale tutto quello che comporta il distanziamento sociale sono elementi che inevitabilmente possono ispirare, pittori, illustratori, creatori di collage e performer in generale.

Per questo da qualche mese è possibile trovare su Instagram una serie di account che raccolgono tutte queste creazioni artistiche ispirate dalla pandemia che stiamo vivendo. Due sono le più importanti @covidartmuseum (CAM) e @coronaartmuseum.

L'arte in questo senso ha la duplice funzione di essere una via di fuga per l'artista e un momento di riflessione per chi osserva. Sicuramente ci sono molte idee e ispirazioni. In questi account trovate di tutto, dal distributore di mascherine chirurgiche alla cartine umane, dalle tavole di Manara sulla pandemia alle riflessioni sul futuro fino alle parodie di celebri dipinti.

C'è poi invece chi, come l'inglese Lorenzo Saa, rimane colpito dall'immagine in laboratorio del coronavirus, e siccome Instagram è come abbiamo detto più volte - la piattaforma delle ossessioni, la declina in più forme utilizzando frutta e verdure. Nella pagina @Covid19Replicas dedica quattro ore ogni giorno alla rappresentazione del virus combinando peperoni con carote, fragole e bottoni o rape bucate dai fiammiferi. Ormai le creazioni sono oltre 100, ma pare che non sia intenzionato a smettere.