Gli ultimi sms di Simone, operaio suicida: "Mi hanno licenziato in tronco. La faccio finita"

HuffPost
Simone Sinigaglia

“Sono stato licenziato in tronco. La faccio finita”. Sarebbero state queste le ultime parole digitate via sms da Simone Sinigaglia, operaio 40enne del padovano impiccatosi dopo essere stato licenziato dall’azienda dove lavorava da 10 anni. A suo carico sarebbero state riscontrate irregolarità nella fruizione dei benefici concessi dalla legge 104: l’uomo si dedicava all’assistenza della zia malata. A ripercorrere gli ultimi giorni dell’operaio è il Corriere della Sera

Alle 13.45, il direttore del personale lo chiama e gli consegna la lettera di licenziamento. È da dicembre che gli stanno addosso - irregolarità nella fruizione dei benefici concessi dalla legge 104 a chi ha un famigliare infermo, tre ore alla settimana o un giorno e mezzo ogni 15, ma è da agosto che l’azienda si sta occupando di lui – eppure l’operaio Simone non era preoccupato, non più di tanto. “Tra dieci giorni mi sapranno dire”, aveva detto a casa.

La tragedia ha sconvolto la comunità di Cinto Euganeo (Padova) e oggi Davide Sinigaglia, il fratello di Simone che da trent’anni lavora nella stessa azienda, dice al Corriere:

“Potevano chiamarmi, potevano dargli una multa, fargli un richiamo, non si mette una pietra al collo ad un essere umano così per poi abbandonarlo [...] Gli hanno messo un detective dietro, lo hanno sorvegliato per mesi per poi incastrarlo definitivamente”

Dopo aver appreso del licenziamento, Simone avrebbe girovagato in macchina per poi recarsi in riva al Fratta Gorzone, il luogo dove ogni settimana andava a pesca con gli amici. Prima di togliersi la vita, l’operai scrive un biglietto di scuse e manda due messaggi, uno al fratello e un altro ad un amico di pesca.

“Sono stato licenziato in tronco - scrive al primo - la faccio finita”. Nel secondo è più preciso: “Mi trovo a pesca dove sai, porta i carabinieri con te, io la faccio finita”.

Ogni soccorso è stato vano: Simone si è impiccato con una corda al ramo di un albero....

Continua a leggere su HuffPost