Grande Fratello, Bettarini fuori dalla Casa: il motivo

·2 minuto per la lettura
gf vip stefano bettarini squalificato
gf vip stefano bettarini squalificato

L’ultima puntata del GF Vip ha visto la squalifica di Stefano Bettarini. Il “Vippone” ha resistito nella Casa più spiata d’Italia una manciata di giorni ed è stato cacciato perché si è lasciato scappare un’espressione “blasfema”. Come ha reagito l’ex calciatore?

GF Vip: Stefano Bettarini squalificato

Come già si vociferava da qualche giorno, Stefano Bettarini è stato squalificato dal GF Vip. L’ex calciatore, chiacchierando con alcuni compagni d’avventura, si è lasciato scappare una bestemmia. O meglio, ha utilizzato un intercalare. Alfonso Signorini ha aperto la puntata chiamando Stefano in confessionale. Il conduttore ha dichiarato:

“Devo fare una premessa: in questi 3 giorni sei stato il Betta che tutti conosciamo. Un vero ciclone. Purtroppo ti sei reso protagonista di un episodio che dobbiamo subito chiarire. Parlando con altri Vip, ti sei lasciato sfuggire un’espressione che non possiamo ripetere, ma che ha offeso la sensibilità di tante persone che stavano guardando. Si tratta di un intercalare blasfemo, so che non c’era volontà di offendere la divinità da parte tua”.

Stefano ha subito capito a cosa si riferisse Alfonso e ha replicato:

“Chiedo scusa, mi sono reso conto immediatamente di quello che mi era sfuggito. Sono una persona credente e non volevo mancare di rispetto a nessuno. Sono pronto a qualsiasi cosa Alfonso, non c’è problema”.

Tra il dispiacere degli altri “Vipponi”, Signorini ha letto il provvedimento disciplinare del GF Vip:

“Le tue parole come avrai capito hanno violato le regole e lo spirito stesso del Grande Fratello. In casi come questi la decisione come ben sai è inevitabile: Stefano sei ufficialmente squalificato dal gioco”.

I telespettatori sono rimasti un tantino sconvolti: perché Bettarini è stato squalificato e Paolo Brosio no? Il giornalista, oltre ad aver pronunciato la stessa “espressione blasfema”, ha fatto una battuta agghiacciante su Auschwitz.