Gucci celebra i suoi primi 100 anni con una nuova collezione dedicata (interamente) alla musica

·4 minuto per la lettura
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE

"Salve e benvenuti a Gucci 100, dove stiamo festeggiando il centenario della casa di moda rivivendo fenomenali momenti musicali degli ultimi 100 anni": si apre così il video della nuova campagna #Gucci100, con cui il direttore creativo Alessandro Michele presenta una nuova collezione celebrativa. Dopo il traguardo raggiunto lo scorso aprile con Gucci Aria, la maison di origini fiorentine torna oggi a festeggiare il suo primo secolo di storia svicerando a fondo un tema caro ai propri valori: la musica.

Sapreste dire quante volte la parola "Gucci" ricorrere nella discografia internazionale dal 1921 ad oggi? Risposta esatta: 22.705. A fornire questi dati alla maison è stata la Music Data Company Musixmatch, che gestisce il catalogo musicale più grande al mondo. La ricerca della parola "Gucci" negli archivi musicali si pone così come il tramite di connessione tra due linguaggi universali a noi già conosciuti: da una parte, l'idea che vestire sia una dichiarazione di identità (e di questo Alessandro Michele ne ha parlato anche in un podcast); dall'altra, invece, la concezione della musica come strumento di memoria collettiva. "Non è un tentativo revisionista di rovistare nel passato: casomai il mio è un revisionismo “al contrario”, dove a ricucire la storia della Maison c’è un acuto, una melodia, un refrain. Anche perché, se dovessi raffigurarlo, Gucci per me sarebbe un eterno teenager che frequenta i luoghi dove ascoltare e fare musica", spiega Alessandro Michele.

Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE

Non è un caso dunque se, proprio nel nuovo Gucci Circolo (che ha appena inaugurato a Milano ed è aperto a tutti), sia possibile anche ascoltare musica all'interno di sale esperienziali. E non è un caso nemmeno se la campagna pubblicitaria di Gucci Aria abbia visto proprio lo scorso mese la partecipazione della band italiana Måneskin. La musica è permeante e fa da filo conduttore fino alla neo arrivata collezione #Gucci100. A caratterizzare infatti i capi e gli accessori sono proprio i versi di tre canzoni, scelte da Alessandro Michele. Trattasi di: "Music is Mine Gucci Seats Reclined", tratto dalla canzone The R del 1988 cantata da Eric B. & Rakim; "This One’s Dedicated To All You Gucci Bag Carriers Out There It’s Called You Got Good Taste" del brano You Got Good Taste del gruppo rock The Cramps del 1983; e "And The Men Notice You With Your Gucci Bag Crew" da Fuck Me Pumps del 2003 di Amy Winehouse.

Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE

Nota bene, la musica potrà essere indossata tanto quanto ascoltata. Su Apple Music sono infatti disponibili una serie di playlist che celebrano la fondazione di Gucci nel lontano 1921 a Firenze. A curare la prima, che già disponibile, ci ha pensato il produttore, direttore musicale e bassista del gruppo dei Pulp: Steve Mackey. Il viaggio musicale proseguirà all'insegna di tutti i numerosi artisti che hanno citato Gucci nei propri pezzi, tra cui Madonna, Jennifer Lopez, JAY-Z, Achille Lauro e Lady Gaga.

Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE

"L’anniversario per il centesimo compleanno rappresenta per me un’occasione per testimoniare l’eterna vitalità di Gucci che anno dopo anno rinasce, si rinnova, ristabilisce un inconsueto rapporto con la contemporaneità, come un fanciullo perenne che guarda al mondo con sguardo potente - spiega Alessandro Michele. - Ho riconosciuto il dato della sua giovinezza nell’aver intercettato e attraversato, da un secolo a questa parte, la cultura popolare in ogni sua forma. Prima fra tutte, la musica: l’unica espressione, oltre alla moda, più reattiva ai tempi che mutano e segnano il nuovo, l’oggi, l’adesso".

Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE

Realizzata da Joshua Woods sotto la direzione creativa di Alessandro Michele, la campagna #Gucci100 spazia dal jazz all'afrobeat passando per la musica disco, il punk giapponese e i suoni psychedelic. I protagonisti diretti ovviamente sono personaggi di un viaggio in cui - anche solo per una serata e basta - condivideranno tutto: suoni, movimenti, gusti musicali. Ma soprattutto gioia e divertimento veicolati con la libertà di essere sé stessi. Il tutto comunicato a noi attraverso immagini che riportano in vita l'allure retrò del fascino "analogico".

Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY GUCCI PRESS OFFICE


Ultima delle sorprese della campagna #Gucci100 è la (ri)comparsa di uno storico modellino. La vettura leggendaria inquadrata nel video altro non è che la Cadillac “Seville by Gucci”, con cui la maison espresse a suo tempo - fine Anni 70 - la modernità del suo pensiero. Il modellino, che nel 1978 fu prodotto in edizione limitata, oggi ritorna grazie alla speciale collaborazione instaurata tra Gucci e Mattel Creations. Si facciano avanti i collezionisti: 5mila esemplari del 1982 saranno riprodotti in scala ridotta 1:64. Buon 100esimo compleanno, Gucci!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli