Guendalina Tavassi parla del suo assalitore: «Non posso dire niente»

·1 minuto per la lettura

Guendalina Tavassi si trova al centro di una situazione molto scomoda.

Settimana scorsa l'ex concorrente del "Grande Fratello 11" ha denunciato un misterioso aggressore che l'ha malmenata regalandole un occhio nero.

I rumor sul presunto responsabile dell'atto di violenza si sono diretti verso il marito della 35enne, Umberto D'Aponte.

«Ragazzi fosse per me vi direi tutto, ma non posso. Mi hanno detto di non dire niente per il momento», scrive Guendalina Tavassi sui social, replicando alla curiosità dei follower.

«Mi sono già rivolta agli avvocati. Sono sconvolta e cercate di capirmi. Sto andando alla Polizia in questo momento. Farò una denuncia per quello che è accaduto. Come sto? Ho vissuto momenti migliori, ma davvero non posso parlare fin quando non avrò concluso con denunce, querele, non posso dire dove è successo, chi è stato, ma vi ringrazio. Mi dispiace ma non posso dire nulla».

Le voci su D'Aponte hanno trovato nel frattempo una qualche conferma: l'imprenditore napoletano infatti non riesce più a contattare telefonicamente le figlie.

«Ragazzi vi spiego un attimino in breve così capite e evitiamo di scrivere cavolate. Io dopo l'accaduto ho dovuto bloccare quel contatto dal cellulare di mia figlia perché mi è stato detto dalle autorità competenti», spiega la Tavassi sbottonandosi sui fatti.

«Questo non vuol dire che il padre non vede i figli. Perché li ha visti fino all'altro ieri e poi non ha potuto. Può chiamarli, può sentirli con il mio telefono e vederli quando può e quando vuole. Detto ciò, giochiamo ad Indovina Chi. Perché io vi faccio delle persone intelligenti. Frattura alle ossa nasali, un occhio nero, sono stata al pronto soccorso, alla Polizia. Secondo voi chi è stato quindi?».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli