Guida all'alimentazione con il latte artificiale: cosa sapere

alimentazione con il latte artificiale
alimentazione con il latte artificiale

L‘alimentazione con il latte artificiale differisce leggermente dal classico allattamento al seno. Ecco ogni procedimento da fare con sicurezza.

Guida per principianti all’alimentazione con il latte artificiale

Preparazione e conservazione

Il latte artificiale è disponibile in tre forme diverse: in polvere, da mescolare con acqua; pronto per l’allattamento (RTF), che può essere servito così com’è; e concentrato, che deve essere diluito come una zuppa condensata. Le formule in polvere sono la scelta più popolare ed economica, ma devono essere preparate con cura. Le due grandi preoccupazioni legate alle formule in polvere sono l’utilizzo di un rapporto sbagliato tra acqua e formula e la contaminazione batterica. Entrambi questi problemi possono causare seri problemi di salute al bambino allattato con il biberon, ma i rischi possono essere facilmente evitati adottando le seguenti pratiche:

Innanzitutto, pulite le mani, la superficie di preparazione e la parte superiore del barattolo. Le salviette antibatteriche sono ottime per questo scopo.

Misurare prima l’acqua filtrata nella bottiglia. Se si mette prima la polvere, sembrerà che si stia aggiungendo la giusta quantità di acqua di cui il bambino ha bisogno, mentre in realtà non è così. È tutta una questione di volume e di spostamento.

Seguite con precisione le indicazioni del produttore perché le specifiche del latte artificiale possono variare da una marca all’altra. Verificate se il misurino deve essere livellato e utilizzate sempre il misurino fornito con il barattolo.

Non diluite mai il latte artificiale con altra acqua. Può causare uno squilibrio elettrolitico e influire sulla crescita e sullo sviluppo nel primo anno di vita.

I biberon possono essere lasciati per due ore a temperatura ambiente, ma una volta che il bambino ne beve una quantità qualsiasi, la formula è buona solo per un’ora.

guida alimentazione con il latte artificiale
guida alimentazione con il latte artificiale

Le prime poppate

Lo stomaco di un neonato ha le dimensioni di una ciliegia, quindi la maggior parte dei bambini ha bisogno di un grammo o meno per ogni poppata, ogni poche ore, nei primi giorni. Tuttavia, dovreste osservare i segnali di fame del neonato (lo schiocco delle labbra, il succhiamento delle dita e i capricci sono tutti segnali) piuttosto che l’orologio o i segni dei grammi sul biberon. Cercate di iniziare la poppata prima che quei simpatici capricci si trasformino in un vero e proprio pianto. Un bambino agitato e troppo affamato può avere difficoltà a rilassarsi abbastanza da mangiare bene.

Per sicurezza e praticità, si può pensare di utilizzare i biberon monodose RTF nella fase neonatale. Questi biberon da 2 o 4 once, disponibili presso diverse marche di latte artificiale, richiedono solo l’applicazione di una tettarella presterilizzata. Poiché non è necessario mescolare il latte, sono immuni da errori umani (che, con tutti gli sconvolgimenti che la fase neonatale comporta, sono solo umani).

Nota: l’alimentazione con il latte artificiale non è in alcun modo paragonabile all’allattamento materno. Solo quest’ultimo garantisce i reali benefici di cui ha estremamente bisogno il piccolo. Per qualsiasi necessità o insicurezza, solo il medico potrà dirvi cosa è effettivamente salutare per il vostro bambino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli