Guida allo svezzamento del bambino: tutto ciò che c'è da sapere

guida allo svezzamento del bambino
guida allo svezzamento del bambino

Questa breve guida allo svezzamento del bambino vi aiuterà a capire innanzitutto quando procedere. L’allattamento al seno è una delle cose più importanti in assoluto, dato che ha innumerevoli benefici. Ecco tutto ciò che dovreste sapere.

L’allattamento prolungato è benefico per la madre, il bambino e l’ambiente

Indipendentemente dalla durata dell’allattamento al seno, i benefici per la madre e per il bambino sono molteplici. Secondo il CDC, i benefici per i neonati includono:

  • Riduzione del rischio di asma.

  • Riduzione del rischio di obesità.

  • Minori possibilità di sviluppare il diabete di tipo 1.

  • Meno infezioni all’orecchio.

  • Minor rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS).

  • Minor rischio di malattie respiratorie gravi.

  • Meno infezioni gastrointestinali, come diarrea e vomito.

I benefici per le madri includono un minor rischio di:

  • Cancro alle ovaie e al seno.

  • Diabete di tipo 2.

  • Pressione sanguigna alta.

Guida allo svezzamento del bambino: quando iniziare

Il momento in cui svezzare il bambino è una decisione individuale che ha ragioni uniche per ognuno. Ogni bambino è diverso anche nella durata dell’allattamento naturale e può anche svezzarsi da solo. Alcuni bambini apprezzeranno l’opportunità di provare nuovi cibi, mentre altri potrebbero girare la testa o sputare la maggior parte dei cibi solidi. Lo svezzamento è una decisione personale con molti fattori da considerare sia per la madre che per il bambino.

Ci sono poche regole ferree per lo svezzamento del bambino. Gran parte dello svezzamento è determinato dalle esigenze uniche e individuali del bambino e di voi stessi. Secondo il CDC, ci sono alcuni elementi essenziali da tenere a mente:

  • Se lo svezzamento avviene prima che il bambino abbia 12 mesi, sostituite il latte materno con latte artificiale.

  • Se il bambino ha più di 12 mesi, sostituite il latte materno con latte vaccino arricchito o con un latte alternativo. Dopo i 12 mesi di età, i bambini non hanno più bisogno di formule per lattanti o per bambini.

la guida allo svezzamento del bambino
la guida allo svezzamento del bambino

Attenzione ai segnali di impreparazione

Nonostante i vostri sforzi, a volte il bambino non è pronto per lo svezzamento. In genere, il bambino segnala di non essere pronto comportandosi in modi particolari. I comportamenti che segnalano l’impreparazione allo svezzamento sono i seguenti:

  • Regressioni del comportamento

  • Ansia, compresa l’ansia da separazione e l’aumento dell’appiccicosità

  • Svegliarsi durante la notte più di quanto non facessero prima o iniziare a svegliarsi dopo aver dormito tutta la notte.

Anche se lo svezzamento è andato bene, potrebbero verificarsi delle battute d’arresto quando si verifica un’interruzione della vita del bambino, come ad esempio malattie, dentizione, inizio dell’asilo nido, preoccupazioni per le allergie, ecc.

Come svezzare il bambino

Il modo ottimale per svezzare il bambino è quello di farlo gradualmente, nell’arco di diverse settimane o anche più a lungo. Naturalmente, il metodo è individuale e dipende dal bambino. Molti bambini smettono improvvisamente di svezzarsi da soli, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un processo graduale. Ridurre la durata e la frequenza dell’allattamento al seno è ideale per prevenire la sovrapproduzione di latte materno. Il seno smetterà naturalmente di produrre tanto latte man mano che le poppate si riducono.

Lo svezzamento graduale ha anche il vantaggio di permettere al bambino di abituarsi ai nuovi sapori e alle nuove consistenze del latte artificiale (per i bambini sotto i 12 mesi), del latte vaccino (per i bambini sopra i 12 mesi) e di abituarsi a usare il biberon o la tazza, se non l’ha fatto prima.

Passi per il successo dello svezzamento

  • Iniziare a sostituire una poppata di latte materno al giorno con un biberon o una tazza di latte artificiale se il bambino ha meno di 12 mesi o con latte vaccino arricchito o un’alternativa al latte se il bambino ha più di 12 mesi.

  • Sostituite gradualmente un numero maggiore di poppate di latte materno con latte artificiale o altro latte. Per un migliore successo, allattate il bambino quando ve lo chiede o vi segnala che vuole essere allattato ed evitate di proporglielo quando non lo vuole.

  • Potreste iniziare con una poppata notturna se per voi è ideale che il bambino dorma tutta la notte senza allattare.

  • Mantenere l’allattamento al seno prima che il bambino faccia il pisolino o vada a dormire di notte per tutto il tempo dello svezzamento è una buona idea, poiché la maggior parte delle madri trova che il comfort dell’allattamento aiuti il bambino a dormire.

Se il bambino ha meno di un anno, può essere necessario evitare di essere nella stanza durante la poppata sostitutiva, in modo che il bambino non senta il vostro odore. Insomma, questa guida allo svezzamento del bambino potrà aiutarvi a capire in che modo procedere e, soprattutto, quando farlo.