Hayden Panettiere, terribile confessione: ‘Non volevo mia figlia vicino’


Hayden Panettiere ha rivelato di aver abusato di oppiacei e alcol. Il periodo buio della sua vita è iniziato quando aveva solo 15 anni e ha cominciato a fare uso di droghe per sentirsi meglio.
A "People" l'attrice ha detto: "Assumevo delle pillole della felicità per sembrare più frizzante. Quand’ero sul set, non potevo essere fatta, ma quando non lavoravo, le cose continuavano a sfuggire al mio controllo e, invecchiando, droghe e alcol sono diventati qualcosa senza i quali non potevo quasi vivere".
Dopo la nascita della figlia Kaya, 7 anni, ha anche sofferto di depressione post partum.
"Sono stati anni davvero difficili. Non avevo sentimenti negativi nei confronti di mia figlia né volevo farle del male, ma non volevo stare con lei. Tutta la mia vita era dominata dal grigio e sapevo solo di essere profondamente depressa, non sapevo dove finisse l’alcolismo e iniziasse la depressione post partum", ha raccontato.
"Avevo i brividi quando mi svegliavo e riuscivo a funzionare solo se bevevo, ero in un ciclo autodistruttivo", ha ricordato.
La 32enne ha poi rivelato che per guarire e diventare una madre migliore ha dovuto mandare la piccola a vivere in Ucraina insieme al padre.
"E' stata la cosa più difficile che abbia mai dovuto fare, ma volevo essere una buona mamma per lei e a volte questo significa lasciarli andare", ha confidato.
Oggi, Hayden sta bene.
"Ora sto bene e sono felice di poter dire che sono sobria, ma è una battaglia quotidiana, lo è davvero. Ero in cima al mondo e ho rovinato tutto. Non è stato facile e ci sono stati molti alti e bassi, ma non rimpiango nemmeno le cose brutte che mi sono successe. Sento di avere una seconda possibilità. Sono grata di far parte di nuovo di questo mondo e non lo darò mai più per scontato", ha chiosato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli