Heather Parisi su Pio e Amedeo: «In America non lavorerebbero più»

·1 minuto per la lettura

Nella sua ultima intervista Heather Parisi ha toccato molti argomenti arroventati.

L'ex ballerina americana si è sbottonata in una lunga intervista con Il Corriere della Sera, rievocando prima i punti salienti della sua carriera a “Fantastico” per poi passare alla sua lotta con la bulimia, di cui dice: «Solo con l’amore di mio marito ho capito che mangiare di meno è un modo per amarmi di più».

Tuttavia, prima di trovare la felicità con Umberto Maria Anzolin, la nativa di Los Angeles ha vissuto un amore «tossico» che l'ha fatta soffrire come nessuno mai.

«Erano pugni, calci, molto di più», rivela Heather Parisi. «E dolorosa era la rabbia di non riuscire a ribellarmi, ma molte persone sapevano e non dicevano niente e sono colpevoli anche loro».

Oltre a parlare della sua vita privata, la 61enne si è sbilanciata sulle gag di Pio e Amedeo, già finiti nell'occhio del ciclone per il loro uso comico del politicamente scorretto.

«Ho letto che due comici italiani, Pio e Amedeo, hanno difeso la parola negro e altre simili – dice ancora la ballerina –. In America, non lavorerebbero più. Queste parole evocano odio, offendono. Se, come me, sei davvero per un mondo che include, non puoi ritenerle satira o comicità».