«House of Gucci», Lady Gaga: «Sul set ero accompagnata da una psichiatra»

·1 minuto per la lettura

Lady Gaga era accompagnata da una psichiatra sul set di «House of Gucci».

Calarsi nei panni di Patrizia Reggiani ha assorbito molte energie nella cantante e attrice, per cui si è reso necessario un supporto di salute mentale durante le lunghe riprese del film di Ridley Scott.

«Ho avuto una psichiatra sul set del film - ha dichiarato a Variety -. Sentivo di doverlo fare. Mi faceva sentire più al sicuro, Questo perché ero continuamente Patrizia Reggiani. Parlavo con il suo accento. Anche quando stavo parlando di cose che non erano legate al film, facevo finta che Maurizio (Adam Driver) mi stesse aspettando in fondo alle scale. Stavo ancora vivendo la mia vita, ma come lei».

Gaga ammette di aver portato una «certa oscurità» con sé al ritorno dall’Italia negli Stati Uniti, a causa del personaggio da lei interpretato. «Gli attori non dovrebbero spingersi fino a quel limite», ha detto la cantante, riferendosi al maniacale metodo di recitazione da lei adottato.

«Ho fatto dei pezzi d’arte estremi nel corso di tutta la mia carriera, mettendo a disposizione dell’arte il corpo e la mia mente», ha riflettuto la 35enne. «Sento una certa tristezza mentre dico queste cose».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli