Igiene orale nel neonato: tutto ciò che devi sapere

Igiene orale nel neonato
Igiene orale nel neonato

Anche se il sorriso del bambino è tutta gengiva, l’igiene orale nel neonato è di vitale importanza fin dall’inizio. Quando nasce, i 20 denti primari di un bambino (e i suoi 32 denti permanenti) si stanno già formando sotto la superficie. Proteggerli è essenziale non solo per la salute orale del tuo bambino, ma anche per la sua salute in generale.

La tua bocca e i tuoi denti sono parte del tuo corpo. Se vanno male, possono causare tutti i tipi di problemi. Influisce su tutto.

Una bocca sana inizia con la mamma

I denti del tuo neonato iniziano a svilupparsi ben prima che nasca (a circa sei-otto settimane di gravidanza per i denti primari, o da latte, e a 20 settimane per i denti permanenti) e così dovrebbero essere le buone abitudini di igiene orale. L’igiene orale nel neonato può aiutare a ridurre il rischio di carie per il tuo bambino più tardi nella vita. Anche prima che nasca, una madre dovrebbe tenere sotto controllo le proprie carie. Questo perché le carie si sviluppano quando i batteri nella bocca si nutrono di zuccheri nel nostro cibo e producono acido, che gradualmente rompe lo smalto dei denti.

Quando baciamo i nostri bambini e condividiamo cibo e cucchiai con loro, stiamo anche condividendo questi batteri. Quindi, trattare le carie prima del parto significa che ci sono meno batteri da trasmettere.

Igiene orale nel neonato consigli
Igiene orale nel neonato consigli

L’igiene orale nel neonato: consigli

Anche prima che il neonato abbia i denti, pulire la sua bocca dopo le poppate può aiutare a non alimentare i batteri che causano la carie. Consigliamo di iniziare con uno spazzolino da dito o un panno pulito e bagnato, e di pulire delicatamente le gengive del bambino dopo che ha mangiato.

Se non riesci a pulire la bocca del tuo piccolo dopo ogni pasto – e, diciamolo, non è sempre pratico – cerca di farlo almeno dopo la sua ultima poppata notturna. Il momento più importante per pulire le gengive è l’ora della nanna. Se il latte rimane sulle gengive, può essere un terreno fertile per i batteri.

È anche importante evitare di far addormentare il bambino sul seno o con il biberon. Il latte materno è un’ottima cosa, ma c’è dello zucchero nel latte, sia che venga da una bottiglia o dal seno. Se rimane in bocca abbastanza a lungo, i batteri proliferanno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli