Ikea Italia: in 5 anni ridotti 57% sprechi cibo con formazione e AI

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 set. (askanews) - Ikea Italia in 5 anni ha ridotto del 57% lo spreco alimentare nei propri negozi, risparmiando l'equivalente di oltre 2,8 milioni di pasti e quasi 4.900 tonnellate di emissioni di CO2 nel corso degli ultimi cinque anni. L'obiettivo di ridurre del 50% gli sprechi alimentari in Ikea, spiega una nota, è stato definito a livello globale nel 2017, come parte dell'obiettivo di diventare un business con un impatto positivo sul clima entro il 2030. Ikea Italia ha avviato il programma nel 2017 e ha raggiunto una riduzione del 57% alla fine del 2022.

Ogni anno il colosso svedese prepara e serve cibo in Italia a oltre 14 milioni di persone all'anno nei suoi 21 negozi. Dietro questa riduzione del 57% degli sprechi c'è sicuramente una maggiore consapevolezza dei co-worker ma anche l'uso di una tecnologia dedicata. Infatti il gruppo ha fatto ricorso all'uso dell'intelligenza artificiale, in partnership con Winnow Solutions, a cui si è aggiunto un programma completo di formazione dei collaboratori. Lo strumento di intelligenza artificiale Winnow Vision, che si avvale dello stesso tipo di tecnologia utilizzata nelle auto a guida autonoma, misura e registra gli sprechi alimentari nei ristoranti, bistro e nelle botteghe svedesi di tutto il mondo. I dati raccolti forniscono ai co-worker che lavorano con i prodotti alimentari una comprensione più approfondita di ciò che viene scartato e dei motivi per cui questo avviene, aiutandoli a prevenire e ridurre gli sprechi alimentari in cucina.

"Grazie all'introduzione di tecnologie all'avanguardia, abbiamo sviluppato modalità efficaci che ci hanno permesso di ridurre del 57% lo spreco alimentare dei nostri negozi, risparmiando un totale equivalente a oltre 200 milioni di polpette - ha commentato Dimitri Reinier Hirsch, country food manager di Ikea Italia - Una tappa importante nella nostra strategia di sostenibilità che ci pone l'obiettivo di diventare un business con un impatto positivo sulle persone e sul pianeta entro il 2030".

Per rimarcare il proprio impegno, a partire dal primo ottobre, tutti i mercati del gruppo Ingka offriranno le principali famiglie di alimenti a base vegetale nei ristoranti, bistrot e Botteghe svedesi a un prezzo inferiore o allo stesso prezzo rispetto agli analoghi piatti a base di proteine animali. Questi prodotti includono le polpette vegetariane, le polpette vegeTali e Quali, gli hot dog vegetariani e il gelato, che Ikea Italia offre ai propri clienti a prezzi più bassi già dal 2015. L'obiettivo è che entro il 2025, il 50% dei pasti principali offerti nel ristorante siano a base vegetale.