Il bambino non vuole andare a scuola: ecco cosa fare

bambino non vuole andare a scuola
bambino non vuole andare a scuola

Cosa fare quando il bambino non vuole andare a scuola? Anche se sono abbastanza piccoli, non si può certo portarli fuori dalla porta a calci e urla e depositarli davanti alla fila per l’auto. Può essere una situazione difficile, ma fortunatamente ci sono alcune cose che si possono fare per superarla.

Perché il bambino non vuole andare a scuola?

Ci sono diversi motivi che possono indurre i bambini a evitare la scuola, tra cui problemi accademici, con i coetanei ed emotivi/comportamentali. I bambini che hanno difficoltà nelle materie accademiche o a concentrarsi in classe possono voler evitare del tutto di andarci. Coloro che hanno difficoltà a relazionarsi con i coetanei, a fare amicizia o che sono vittime di bullismo possono, allo stesso modo, desiderare di rimanere a casa.

Il sentimento di rifiuto, esclusione o vittimizzazione può anche indurre i bambini a ritirarsi o a comportarsi in modo aggressivo, e che entrambi possono manifestarsi come rifiuto della scuola. I bambini con esigenze emotive o comportamentali, come l’ansia sociale, generalizzata o di separazione, la depressione o i disturbi comportamentali caratterizzati da agiti o opposizioni, possono non andare volentieri a scuola.

il bambino non vuole andare a scuola
il bambino non vuole andare a scuola

Come deve reagire un genitore quando un bambino non vuole andare a scuola?

Quando il bambino non vuole andare a scuola, è meglio farlo sedere e ricordargli l’importanza di frequentare la scuola e di ricevere un’istruzione. Invece di essere severi con loro, è essenziale cercare di cambiare la loro mentalità e capire perché potrebbero non volerci andare. Nella maggior parte dei casi si tratta di uno stato d’animo temporaneo che può essere alleviato dalle loro preoccupazioni.

È importante che il bambino si senta sostenuto, ascoltato e compreso quando manifesta riluttanza o paura di andare a scuola. Ecco alcuni suggerimenti per parlare con i bambini resistenti alla scuola:

  • Facilitare una comunicazione aperta e porre domande aperte e con un’impostazione positiva che stimolino conversazioni oneste con il bambino.

  • Parlate con vostro figlio di ciò che accade a scuola e a casa; se c’è qualcosa che lo preoccupa a casa, mettete a tacere le sue paure.

  • Rafforzate l’amore e il sostegno incondizionato; i bambini hanno bisogno di sentirsi sempre compresi e ascoltati. Bisogna “fare attenzione a non comunicare incredulità, giudizi negativi o delusione nei loro confronti per i loro sentimenti o sintomi.

  • Aiutate il bambino a risolvere i problemi: in primo luogo, identificate i problemi legati al ritorno a scuola, poi fate un brainstorming sulle possibili soluzioni.

  • Aiutate il bambino a gestire i sintomi fisici. I bambini di età inferiore ai 10 anni che soffrono di ansia tendono a manifestare i sintomi fisiologicamente, come mal di testa, mal di stomaco, scoppi di rabbia o bisogno di conforto fisico da parte di un genitore.

  • Utilizzate affermazioni chiare e tranquille. Fate sapere al bambino che deve andare a scuola. Usate la parola “quando” piuttosto che “se”, per esempio: “Quando sarai a scuola domani”, piuttosto che “Se riuscirai ad andare a scuola domani”. In questo modo si comunica che si crede che il bambino possa andare a scuola.

LEGGI ANCHE: