Il beauty brand di skincare sostenibile che utilizza fichi d'India e capperi

Di Vanessa Perilli
·6 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

From Marie Claire

Estetica minimalista, materia prima completamente naturale e alta manifattura sartoriale. Sono questi i pilastri fondanti dei cosmetici naturali siciliani by Asciari, brand nato nel 2016 a Milazzo come azienda di maglieria e skincare. Fondata da due fratelli, Pietro e Federica Mazzettini, e dalla loro madre, Marta, questa realtà imprenditoriale realizza prodotti senza tempo ed essenziali e a km 0. Abbiamo incontrato Pietro Mazzattini, responsabile sviluppo commerciale di Asciari, per conoscere più da vicino il lato skincare di questa azienda che vanta tra i suoi principali ingredienti il fico d’India, il cappero e la mandorla siciliana.

La parola "Asciari" in siciliano arcaico significa “ritrovarsi”. Quali sono le origini di questa azienda?
Asciari nasce nel 2016 ereditando alcuni valori che da sempre hanno contraddistinto la nostra famiglia. Anche quando il marchio non esisteva, ricorrevamo ai nostri sarti di famiglia per fare realizzare il nostro guardaroba personale. Volevamo pezzi unici, frutto di una ricerca stilistica personale e di un’ossessione per i tessuti pregiati. Da questo modo di intendere il nostro guardaroba personale prende forma Asciari, rispondendo a tre canoni principali: estetica minimalista, materia prima completamente naturale e alta manifattura sartoriale. Asciari si può definire un laboratorio di idee e progetti speciali accomunati tutti da questi principi fondanti. Tali principi hanno ispirato anche la realizzazione della linea di cosmetica naturale.

Gli ingredienti utilizzati sono rigorosamente siciliani. Il fico d'India, il cappero, le mandorle...
Gli ingredienti sono scelti in quanto espressione diretta del territorio e legati a specifici immaginari olfattivi e sensoriali primordiali che si radicano profondamente nella storia e nel territorio siciliano. Non costituiscono un'essenza, ma sono materia prima fondante e formula dell’intero prodotto stesso essendo presenti in qualità e dosi molto elevate. Anche l’olio extravergine d’oliva alla base dei saponi unitamente ai frutti sopra indicati è elemento primario e catalizzatore stesso dell’intero processo di saponificazione essendo anch’esso materia prima fresca e integrale presente in percentuali elevatissime. Questi ingredienti, espressione di una biodiversità siciliana, sono stati inoltre scelti in virtù delle loro peculiari proprietà vegetali e fitoterapiche.

Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo

Quali sono le proprietà di questi vegetali locali?
Del fico d’India si utilizza la polpa fresca della pala, la quale ha una particolare valenza cosmetica essendo ricca di mucillagini, riconosciute per le loro virtù antinfiammatorie, oligoelementi e vitamine C, E, A. Del cappero invece si utilizzano essenzialmente i boccioli appena raccolti uniti a una centrifuga di capperi freschi. Il cappero ha potenti proprietà anti-age e antibatteriche vista la presenza, tra le altre sostanze, della quercetina e delle vitamine A, C e K. Infine la mandorla siciliana è stata scelta perché ricca di acidi grassi e oli essenziali e per l’alto potere idratante e nutritivo. Come per i saponi anche gli oli sono disponibili in tre diverse formule: quello al fico d’India comprende oli essenziali di mandorle dolci, girasole e germe di grano, fico d'India siciliano, salvia, camomilla, lavanda e ylang ylang, quello al cappero olio di karité e olio di boccioli di cappero siciliano e quella di mandorle realizzata con olio di mandorle dolci ed essenza di mandorle amare. Le medesime proprietà dei saponi si riscontrano negli oli nelle rispettive formule i quali tutti rimangono asciutti sulla pelle senza lasciare alcuna untuosità dato il loro alto indice di biodisponibilità. Infine, per preservare e mantenere inalterate queste proprietà tutte le materie prime sono utilizzate dopo il raccolto e nella loro forma più pura e integrale priva di conservanti, parabeni e sostanze animali.

Cosa fa Asciari per essere sostenibile?
La sostenibilità è connaturata strutturalmente a ogni progetto Asciari, concretizzandosi in diversi aspetti interconnessi tra loro. In primo luogo sia la produzione delle collezioni di abbigliamento sia la linea beauty sono realizzate integralmente in Sicilia a breve distanza dall’ufficio stile. Ciò non solo ha un impatto positivo sull’ambiente, che si traduce con meno spedizioni e spostamenti quindi meno inquinamento, ma ha una forte valenza sociale e produttiva in quanto crea impresa su un territorio e integrazione con i suoi abitanti. Sostenibilità quindi non solo ambientale, ma rispetto delle persone e del loro valore. Inoltre, come detto, tutti i tessuti alla base delle collezioni sono esclusivamente naturali e spesso organici e lo stesso succede per i saponi e gli oli alla base della linea cosmetica essendo completamente biodegradabili in quanto a base totalmente vegetale senza sostanze chimiche aggiunte. I packaging sono in PET riciclabile verde scuro e un packaging a tenuta stagna per il sapone solido che può essere riutilizzato per il viaggio. Infine, sostenibile significa anche comprare meno, ma comprare meglio. Per tale ragione le collezioni propongono linee e pezzi timeless non legati a trend effimeri e pertanto capaci di maturare nel tempo assieme alla persona che li indossa e la linea cosmetica è trasversale in quanto adatta a tutte le età e unisex e idonea sia per la pelle del viso sia del corpo riducendo così il fabbisogno di altri prodotti.

Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo

I prodotti Asciari sono realizzati a mano in Sicilia, combinando un processo artigianale lento che segue formule antiche con i più moderni standard di sicurezza, garantendo la purezza del prodotti. Ce ne può parlare?
Sia i saponi che gli olii condividono un processo di lavorazione totalmente artigianale che affonda le proprie radici in un sapere molto antico e in qualche modo condiviso nell’area del mediterraneo (dalla Siria alla Provenza, passando appunto per la Sicilia). Dalle tecniche antiche si è ereditata l’artigianalità di tutto il processo - che è completamente manuale - ma poi lo stesso è stato completamente rivisto in funzione del rispetto della materia prima e della massima preservazione delle sostanze attive. La formula di tutto il procedimento di lavorazione è chiaramente riservata, a garanzia dell’unicità del prodotto e la sua particolarità risiede in primo luogo nella lavorazione, non invasiva e fatta a temperature tali da non alterare le caratteristiche naturali della materia prima. Secondo le tecniche di saponificazione industriali spesso invece tutte le componenti sia acide sia basiche vengono fatte letteralmente bollire. In secondo luogo nel sapiente uso di materia prima totalmente fresca e integrale. Non è usato un qualunque olio come base, ma un olio extravergine d’oliva adatto all’uso alimentare, unitamente a frutti ed essenze fresche e integrali: centrifuga di capperi freschi, farina grezza di mandorle siciliane o ancora polpa fresca delle pale di fico d’India appena raccolte. Questo tipo di lavorazione è pertanto unica in quanto non facendo uso di sostanze chimiche aggiunte rende possibile ottenere un prodotto vivo e con tutte le sue componenti nutrizionali e fitoterapiche attive. Tutti i prodotti poi provengono dal territorio siciliano, garantendo una filiera a km 0 e la provenienza da coltivazioni libere pesticidi e coltivate in modo naturale e biologico.

Dove si possono trovare i prodotti Asciari?
In alcuni negozi selezionati - sia in Italia, per esempio da San Carlo 1973 a Torino, da Stamberga a Milano, nella boutique dell’Hotel Timeo a Taormina che all’estero - oltre che su asciari.com dove abbiamo appena lanciato l'e-shop.