Il bonus Renzi cresce fino a 100, estesa la platea. Il plauso dei sindacati: "Partiti col piede giusto"

HuffPost
cuneo

Accordo pieno sul taglio delle tasse sul lavoro, con i sindacati che escono soddisfatti da Palazzo Chigi. I 3 miliardi di tagli per il 2019 (5 miliardi a regime) andranno così suddivisi fra i lavoratori dipendenti. Per gli attuali percettori del bonus Renzi, questo crescerà da 80 a 100 euro. Il bonus fiscale sarà poi esteso per quella fascia che va dai 26.600 euro lordi annui a 28mila.  I redditi sino ai 35 mila euro beneficeranno di 80 euro - sotto forma di detrazioni - e quelli dai 35 mila ai 40 mila si ritroveranno sì più euro in busta paga ma con un meccanismo a calare. E’ questa l’ipotesi per la distribuzione del taglio del cuneo fiscale che il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha illustrato ai leader di Cgil, Cisl e Uil durante una riunione informale che ha preceduto l’avvio del tavolo presieduto dal premier Giuseppe Conte. Ed è quella che, fra le altre opzioni preparate dal Tesoro, ha ricevuto l’assenso da parte delle parti sociali.

Il taglio del cuneo fiscale quindi interesserà in totale circa 16 milioni di lavoratori. 

“L’appuntamento oggi è dedicato alle modalità di attuazione del taglio del cuneo e al progetto di riforma complessiva del sistema fiscale, in particolare l’Irpef, che è fondamentale per semplificare il nostro sistema tributario e ridurre il carico fiscale su famiglie, lavoratori e pensionati. Coinvolgeremo nel piano di riforma fiscale anche i pensionati. L’obiettivo è restituire sicurezza economica ai lavoratori e alle famiglie, rendendo più equo il sistema tributario”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte ai sindacati.

A fine giornata Conte su Facebook esprime tutta la sua soddisfazione per il risultato ottenuto: “L’intervento sul cuneo fiscale del Governo riguarderà ben 16 milioni di italiani. A partire da luglio potenziamo il bonus già percepito da 11 milioni di lavoratori e dalle loro famiglie, che crescerà a 1.200 euro l’anno. Non ci fermiamo qui: meno tasse e salari più alti...

Continua a leggere su HuffPost