"Il cappotto di Meghan costa 1700 euro, ma agli operai solo 3 euro l'ora per realizzarlo"

HuffPost

Può un cappotto causare un terremoto in terra britannica? La risposta è sì, se ad indossarlo è Meghan Markle. Il capospalla nero firmato Stella McCartney sfoggiato dalla Duchessa di Sussex lo scorso 11 novembre a Londra durante il Remembrance Day, infatti, è stato criticato perché realizzato da lavoratori ungheresi che guadagnano soltanto 2,60 sterline l’ora (circa 3 euro). Un fatto che, come riporta il Daily Mail, non è piaciuto all’opinione pubblica inglese, tanto da costringere la stilista a cancellare dal suo account Instagram la foto che ritraeva Meghan col capo di abbigliamento il cui prezzo di listino supera le 1500 sterline (1750 euro circa).

Il Daily Mail aggiunge che il raffinato cappotto nero con ampi revers “pagato da Meghan Markle, o meglio dai contribuenti inglesi [...] è stato prodotto nello stabilimento di Beriv nella città di Berrettyoujfalu, che si trova nell’Ungheria orientale, una delle regioni più povere del paese, vicino al confine rumeno”.

Una sarta impiegata nella fabbrica ungherese che produce quel modello di cappotto ha affermato che lei e i suoi colleghi percepiscono in media 2,58 sterline all’ora. La testimone, durante il mese scorso, avrebbe guadagnato appena 455 sterline (531 euro) per 176 ore di lavoro. L’azienda ha provveduto subito a smentire tramite un responsabile della produzione: “Gli operai della fabbrica sono tutti ben trattati e pagati correttamente, secondo la legge ungherese”.

Un portavoce di casa reale, invece, ha sottolineato come la vicenda non riguardi la Duchessa, ma soltanto la stilista britannica Stella McCartney. La designer - dopo aver pubblicato sui social una foto di Meghan Markle con indosso il capospalla e dopo aver affermato di essere onorata del fatto che la scelta della Duchessa fosse ricaduta su un suo capo d’abbigliamento - è stata costretta a cancellare lo scatto a causa delle polemiche e dei commenti critici da parte degli utenti.

A rivelarlo è stato il giornale