Il cugino di Pharrell Williams ucciso dalla polizia: cantante chiede indagine

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Pharrell Williams ha chiesto l’apertura di un’indagine federale per fare luce sulla morte del cugino ucciso il 26 marzo a Virginia Beach da un agente di polizia. In un post su Instagram il cantante si appella alle autorità giudiziarie affinché venga fatta chiarezza sulla dinamica della sparatoria in cui si è trovato coinvolto il cugino Donovon Wayne Lynch, morto a 25 anni. Come riporta la Bbc nella zona in cui è accaduta la tragedia ci sono state altre tre sparatorie nello stesso giorno.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

L’artista ha preso parte al funerale del cugino il 5 aprile, giorno del suo 48esimo compleanno: “Questo compleanno è simbolico perché ho dovuto parlare al funerale di mio cugino, ma ero soffocato dalle emozioni”, ha scritto il Williams su Instagram. “Ci sono troppe domande senza risposte, sia per la città che per lo Stato. Rispettosamente, chiedo un’indagine federale. Chiedo anche che preghiate per la famiglia”.

GUARDA ANCHE: Omicidio Floyd, "violenza non necessaria": altra testimonianza al processo