Il dato dell’Istituto Superiore di Sanità: la sottovariante variante BA.5 è quasi sola a contagiare

Omicron in Italia è al 100% dei casi
Omicron in Italia è al 100% dei casi

Cosa dice il nuovo report Iss: “Variante Omicron rappresenta il 100% dei casi”. Il dato dell’Istituto Superiore di Sanità è netto: la sottovariante variante BA.5 è quasi la sola a contagiare nel nostro paese. E nello specifico l’Iss spiega che “in Italia la variante Omicron del Covid ha raggiunto una prevalenza stimata al 100%”. Tutto questo con la sottovariante BA.5 del coronavirus che ha una prevalenza a livello nazionale pari al 90,8%. Attenzione: alla data dell’ultima rilevazione la percentuale era “solo” del 75,5%.

“Variante Omicron rappresenta il 100% dei casi”

Quello che rende noto dunque l’Istituto Superiore di Sanità nel report settimale è uno scenario di assoluta dominanza dell’ultima mutazione massiva e “di successo” del coronavirus, a contare che Centaurus pare non abbia tutte queste skill mutagene negative. Il tasso di ricoveri in terapia intensiva per i non vaccinati risulta pari a 4,2 ricoveri per 100mila abitanti, cioè quasi cinque volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 120 giorni e ai vaccinati con dose aggiuntiva booster.

Il raffronto con l’analisi di un mese fa

Solo il 13 agosto l’Iss scriveva: “In Italia il 2 agosto scorso la variante Omicron aveva una prevalenza stimata al 100%, con la sottovariante BA.5 predominante. Sono questi i risultati dell’indagine rapida condotta dall’Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.” Per l’indagine è stato chiesto ai laboratori delle Regioni e Province Autonome di selezionare dei sottocampioni di casi positivi e di sequenziare il genoma del virus”. Chi significa? Che i risultati di quella richiesta e le analisi di sequenziamento si sono concluse e che la previsione ha trovato conferma.