Il dato emerge dall'accurato studio pubblicato sulla rivista americana Jama Network Open

·2 minuto per la lettura
Cosa dicono gli ultimi studi sul long Covid
Cosa dicono gli ultimi studi sul long Covid

Il long Covid dura in media 4 mesi con possibilità di eccezionale persistenza ancora più estesa e lascia tracce della sua permanenza ed azione anche nel cuore. Il dato è emerso dallo studio pubblicato dalla rivista medica americana Jama Network Open. In quel report medico di grande valore i ricercatori hanno monitorato tutte le “tracce” lasciate in ogni parte del corpo dalla malattia. E il dato principale che è emerso, anzi che è stato confermato è quello per cui Il Covid non colpisce solo i polmoni, ma lascia traccia del suo passaggio in altri luoghi del corpo ed ambiti della vita umana, dal cuore fino al ciclo del sonno.

Lo studio: il long Covid dura 4 mesi: come si è arrivati ad accertarlo

La possibilità di monitorare ed accertare cosa la malattia fa al corpo e in particolare all’attività cardiaca è legata all’utilizzo di smartwatch, fitness tracker convenzionali e assieme ad essi di ogni dispositivo indossabile adibito al monitoraggio dei parametri vitali. Proprio dall’utilizzo di quegli strumenti gli autori della ricerca hanno estrapolato dati interessanti: il long Covid compare nel 14% delle persone che si infettano. Come è stato possibile rilevarlo?

Il long Covid dura in media 4 mesi: confronto fra 641 malati “normali” e 243 con il coronavirus

Con una ricerca che ha messo a confronto i parametri di 641 persone con malattie respiratorie ma negative al Covid e quelli di 243 volontari che invece avevano contratto l’infezione. Si sono notate variazioni nel battito cardiaco, nel ritmo sonno-veglia e nell’attività fisica in tutti i casi censiti, però ma questi parametri “impiegano molto più tempo a tornare normali in chi è stato colpito dal Sars-CoV-2”. Approfondiamo: la frequenza cardiaca a riposo nei pazienti Covid in media non ritorna alla normalità prima di due mesi e mezzo, poi l’attività fisica prima di un mese e il ritmo sonno-veglia torna regolare più o meno al 24esimo giorno dalla diagnosi.

Il long Covid dura 4 mesi: cosa succede al 14% che contrae la malattia

Vediamo ora invece cosa accade per il il 14% che ha il Long Covid: i sintomi durano molto più a lungo e la frequenza cardiaca resta più alta per quattro mesi. E sempre secondo lo studio Usa chi contrare la forma ‘cronica’ della malattia di solito presenta sintomi più gravi all’inizio rispetto a chi non la sviluppa. Jennifer Radin, che è coautrice dello studio ed è in forza allo Scripps Research Translational Institute, ha affermato in merito: “I nostri dati suggeriscono che la gravità dei sintomi iniziali, a partire dall’alterazione della frequenza cardiaca, può essere usata per predire quanto impiegherà il paziente a guarire dall’infezione. In futuro, con un campione più numeroso, sarà possibile capire perché le persone hanno sintomi diversi l’una dall’altra”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli