Il fascino intramontabile di una camicia bianca Albini

Di Manuele Menconi
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Clemens Bilan - Getty Images
Photo credit: Clemens Bilan - Getty Images

From Esquire

James Dean seduto con aria scanzonata sulla portiera della sua Porsche decappottabile, tra le dita l’immancabile sigaretta accesa; Brian Jones in un momento intimo, uno scatto rubato a una festa privata, portamento misuratamente eccentrico da lord inglese; David Lynch che posa per un amico insieme a Isabella Rossellini; Timothée Chalamet in tuxedo total white sul red carpet degli Oscar, anche troppo consapevole di essere l’icona che l’uomo del 2020 stava aspettando. Quattro figure ideali, che hanno in comune una cosa, irrinunciabile: la camicia bianca nell’inconfondibile tessuto di Albini. Quel cotone, o meglio quei cotoni che l’azienda produce in Italia, a Desenzano al Serio, dal 1876, hanno senza dubbio risvegliato in loro una sensazione, un'intuizione, un desiderio. Desiderio che si può declinare in molti modi diversi, perché il fascino eterno della camicia bianca sta tutto lì, nella sua insospettabile duttilità.

La camicia bianca in versione unconventional

Photo credit: Michael Ochs Archives - Getty Images
Photo credit: Michael Ochs Archives - Getty Images

In James Dean la camicia bianca è in una versione preppy, con un twist rock. Coniugazione di opposti possibile con la variante del Royal Oxford, un mix di palpabile morbidezza, brillantezza e resistenza, che contribuisce a rendere questo tessuto unico nel suo genere e versatile, perfetto per conferire personalità anche al più semplice dei look. Dean la abbinava a un completo informale in lana a cui aveva aggiunto un gilet a rombi, con il colletto rigorosamente sbottonato. Un'adesione a uno stile rockabilly.

La versione classica ma rilassata

Photo credit: Michael Ochs Archives - Getty Images
Photo credit: Michael Ochs Archives - Getty Images

La camicia bianca era tra le preferite anche di John Lennon, che quando non vestiva da Beatle la alternava a un altro grande inimitabile classico, il Sahara 2, lino naturale al 100%, sempre delicatamente teso grazie all’elevata capacità di assorbimento dell’umidità e giustissimo per un’immagine rilassata; è bello pensare che le proprietà di queste fibre siano passate, per osmosi, alla sua Imagine. Una lezione di cui hanno fatto tesoro molti dei brand più amati dalle celebrity e che non si sono dimenticati di studiare e interpretare gli emergenti. Tra quelli del momento, Sunnei, dove, ci raccontano i fondatori Loris Messina e Simone Rizzo, “la chiave d’interpretazione della camicia è la semplicità. Il fatto che la nostra sobrietà dall’esterno venga vista e definita come cool conferma la nostra idea che non ci sia niente di più avanguardista di un’estetica senza tempo”.

La camicia bianca da cerimonia, per il passato e per il futuro

Photo credit: Bettmann - Getty Images
Photo credit: Bettmann - Getty Images

Senza tempo è l’altra faccia di questo must-have del guardaroba maschile: la cerimonia, nelle sue innumerevoli declinazioni. Indimenticabile l’eleganza di John Fitzgerald Kennedy nel giorno delle sue nozze. Per accompagnare all’altare la moglie Jacqueline, molto probabilmente aveva scelto un Sea Island, uno dei cotoni più antichi, rari e preziosi al mondo. Proveniente dalle Barbados e dalla Giamaica, si distingue da tutte le altre specie per la notevole lunghezza, resistenza e uniformità della fibra; caratteristiche che lo rendono setoso, capace di rinascere dopo ogni lavaggio e fresco come la brezza degli Alisei.

Photo credit: STEVE PARSONS - Getty Images
Photo credit: STEVE PARSONS - Getty Images

Più vicino al presente, il matrimonio tra Meghan Markle e il principe Harry, tanto discusso dalla stampa e dall’opinione pubblica, quanto apprezzato dalle nuove generazioni per carica rivoluzionaria. Per la festa, dai connotati più glam-pop che aristocratici, la scelta di lui sembra essere stata un Byron Egypt, popeline in 120/2 tra i più esclusivi e pregiati; il suo bianco brillante è straordinario e migliora ad ogni lavaggio. Cosa ci ricorda? L'uniforme che Backy French, direttore creativo di Turnbull & Asser ha disegnato per Pierce Brosnan/James Bond in Die Another Day. “Il lussuoso voile di cotone di Thomas Mason’s (Albini ha assorbito l’azienda nel 1992 e messo in atto un infaticabile lavoro sul recupero dei migliori pezzi d’archivio, oltre a continuarne la storica tradizione) è il partner perfetto per la camicia da sera ideale: discreta, con le pieghe dei pannelli frontali sottili e il colletto ben definito”, afferma descrivendo il modello realizzato per l’attore.

La versione neo-elegante

Photo credit: Frazer Harrison - Getty Images
Photo credit: Frazer Harrison - Getty Images

La lista delle apparizioni sui tappeti rossi dello showbusiness è interminabile, da Robert Redford a Leonardo DiCaprio, passando per Brad Pitt e Pharrell Williams in un viaggio che va dalla West Coast a Cannes e Venezia, nemmeno gli irriverenti hanno potuto esimersi dalle regole ferree per accedervi. Qui la fa da padrone il triplo ritorto Menfis, mano corposa e una luminosità senza uguali. Proprio Chalamet, che del (non) colore più puro è un grande fan, lo ha interpretato dandogli un’inedita nuova e ancora lunga vita.