Il governo Biden ha il più basso gender pay gap mai registrato alla Casa Bianca, evviva

·2 minuto per la lettura

All'annuncio che "Le donne che lavorano alla Casa Bianca di Biden guadagnano 99 centesimi ogni dollaro guadagnato dagli uomini" c'è chi non è ancora soddisfatto. "Carino....ora portiamolo a un dollaro" commenta un utente, "Continua a sembrarmi non paritario" commenta un altro. Ok, ok, la parità ancora non c'è ed è evidente, ma si tratta pur sempre del più basso gender pay gap mai registrato tra i dipendenti che lavorano alla White House, c'è comunque da festeggiare. L'amministrazione Biden ha pubblicato giovedì il suo rapporto annuale al Congresso su quanto viene pagato il personale della Casa Bianca e i dati in quanto a parità, diversity e inclusion sono incoraggianti.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Come riporta NBC News e stando alla scheda informativa condivisa dalla Casa Bianca, tra i dipendenti della White House, le donne guadagnano in media $ 93.752, mentre gli uomini guadagnano $ 94.639. Tra i dipendenti più pagati troviamo Molly Groom, consulente politica per l'immigrazione che guadagna $ 185.656, a seguire troviamo poi il capo dello staff della Casa Bianca Ron Klain, il direttore del Consiglio economico nazionale Brian Deese, la consigliera per la politica interna Susan Rice e i consiglieri senior Mike Donilon e Cedric Richmond, che guadagnano tutti 180.000 dollari all'anno, così come un'altra dozzina di dipendenti. Sempre nella scheda informativa, la Casa Bianca ha spiegato che è stata l'istituzione di una struttura salariale che includa fasce retributive per gli incaricati a contribuire a garantire che "indipendentemente dal genere o dalla razza, coloro che svolgono un lavoro simile siano pagati allo stesso modo". Insomma, un modo per cambiare le cose c'è.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Naturalmente, come ben sappiamo, il gender pay gap non consiste solo nel pagare meno le professioniste a parità di mansioni (cosa che generalmente è anche illegale), ma piuttosto assumere le donne principalmente per mansioni meno retribuite, assumerne poche e solo quando si tratta di incarichi più tradizionalmente "femminili". È un problema sfaccettato che va analizzato da vari punti di vista. Se il gender pay gap alla White House sta migliorando è anche perché le donne costituiscono circa il 60 percento degli impiegati di Biden e il 56 percento del suo staff senior. Questo significa che ci saranno verosimilmente anche più donne in posizioni importanti con stipendi più alti.

Secondo un'analisi dell'economista Mark Perry dell'American Enterprise Institute (un think tank conservatore) durante nel primo anno in cui Donald Trump era alla Casa Bianca, il divario retributivo tra uomini e donne era aumentato ad oltre il 37%. Nel rapporto Trump del 2020 al Congresso, le donne guadagnavano il 31% in meno degli uomini e la situazione era solo leggermente migliore negli anni di presidenza Obama. Secondo le stime, infatti, il divario retributivo durante l'ultimo anno di amministrazione Obama era dell'11% , mentre altri parlano del 18% nel corso del suo mandato. Insomma, siamo ai minimi storici e bravo Biden, ora però dateci anche questo 1% che ancora ci spetta, thanks!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli