Il look in bianco di Kamala Harris è un omaggio alle suffragette

Di Emanuela Griglié
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Drew Angerer - Getty Images
Photo credit: Drew Angerer - Getty Images

From Harper's BAZAAR

Splendente in un tailleur bianco candido. Così è apparsa Kamala Harris, cinquantasei anni, per il suo primo discorso da vicepresidente eletta degli Stati Uniti, prima donna e prima asioamericana nella storia a ricoprire questo ruolo. Un colore, il bianco, che non è una scelta casuale, ma sempre più uno statement per le donne che fanno politica: un aperto omaggio alle suffragette e alla loro battaglia per il diritto al voto delle donne. Solitamente vestita in blu o nero, e con le sue amatissime Converse All Star ai piedi, Harris aveva scelto un abito bianco anche lo scorso gennaio, quando aveva prestato giuramento nel processo di impeachment del presidente Donald Trump. E lo ha fatto anche stavolta, per dividere con il neo-presidente Joe Biden il palco del Chase Center di Wilmington, dove è stata accolta prima con un’ovazione e poi da un tifo da stadio fra clacson impazziti e bandiere americane. Nel suo discorso, Harris ha fatto riferimento a “tutte le donne che hanno lavorato per garantire e proteggere il diritto di voto per oltre un secolo: cent’anni fa con il 19esimo emendamento, cinquantacinque anni fa con il Rights Act e ora, nel 2020, con una nuova generazione di donne nel nostro Paese che hanno votato e continuato la lotta per il loro diritto fondamentale di votare e di essere ascoltate. Stasera, rifletto sulla loro lotta, la loro determinazione e la forza della loro visione. Anche se sono la prima donna a ricoprire questo incarico, non sarò l’ultima”, ha concluso accendendo ancora di più l’entusiasmo generale: “Qualunque bambina ci sta guardando stasera vede che questo è il Paese delle possibilità. Sognate con ambizione”.

Photo credit: Tasos Katopodis - Getty Images
Photo credit: Tasos Katopodis - Getty Images

Il bianco è stato usato spesso in altre occasioni e sempre simbolicamente delle politiche americane di area democratica. Anche Hillary Clinton era vestita di bianco per la nomina a presidente degli Stati Uniti alla Convention democratica del 2016, sempre in onore del movimento per il suffragio femminile. E Geraldine Ferraro era vestita di bianco quando accettò di diventare la prima candidata donna alla vice presidenza alla convention democratica del 1984. A febbraio le deputate democratiche alla Camera si erano vestite di bianco per celebrare il centesimo anniversario del voto delle donne durante il discorso sullo stato dell’Unione. Anche la travolgente deputata Alexandria Ocasio-Cortez tempo fa aveva spiegato la sua divisa fashion come un omaggio alla lotta di emancipazione femminile: tailleur bianco d’ordinanza “in onore delle suffragette”, rossetto rosso acceso e cerchi d’oro alle orecchie. “Il rossetto per Sonia Sotomayor (prima donna di origine ispanica eletta giudice della Corte Suprema, ndr)”, ha scritto su Twitter, “a cui fu consigliato di presentarsi in aula con uno smalto neutro. Lei scelse il rosso. Mentre la prossima volta che qualcuno dirà alle ragazze del Bronx di togliersi gli orecchini a cerchi, loro potranno rispondere che si stanno vestendo come una donna del Congresso”.