Il mio bambino odia la sua culla. Cosa devo fare?

·2 minuto per la lettura
il bambino odia la sua culla
il bambino odia la sua culla

Se il bambino odia la sua culla potrebbero esserci delle motivazioni specifiche. In realtà, può essere difficile dire se la odia davvero o semplicemente non vuole andare a dormire da solo. Per alcuni bambini, essere messi a letto in una culla significa un cambiamento nel modo in cui si addormentano.

Per esempio, se tuo figlio di solito si addormenta mentre viene cullato o allattato, essere messo in una culla significa che non viene più cullato o nutrito. Questa è la fonte del turbamento – non la culla in sé. Molti genitori spostano il loro bambino in un letto in risposta a un problema percepito nella culla, ma poi scoprono che il problema persiste. Questo è un vero segno che non è dove il tuo bambino dorme, ma ciò che accade prima di metterlo a letto che sta causando il problema.

Cosa fare se il bambino odia la sua culla

Prima di fare un cambiamento drastico, soprattutto se il tuo bambino è più piccolo, lavora con lui per rendere la culla un posto divertente. Durante il giorno – non durante il sonno – metti alcuni dei suoi giocattoli preferiti nella culla. Fate un gioco per raggiungerli e tirarli fuori. Poi, per gradi, mettilo giù nella culla per prendere il giocattolo. Alla fine il tuo bambino penserà alla culla come a un posto divertente dove stare.

il bambino odia la sua culla consigli
il bambino odia la sua culla consigli

Dovresti anche lavorare per sviluppare buone abitudini di sonno per il bambino. Assicurati di avere una routine coerente per la nanna e che il bambino sia in grado di addormentarsi da solo e che non abbia bisogno di nient’altro, come essere tenuto o allattato.

Naturalmente, il consiglio sopra non si applica a un bambino più grande che sta iniziando a vedere la sua culla come un posto per “bambini”. In questo caso, potrebbe essere pronto a passare a un letto grande.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli