Il naso freddo dei cani? Arriva la risposta degli scienziati

Getty Images

Vi siete mai chiesti perché i cani hanno il naso freddo? Dato per assodato che il fenomeno sia legato alla regolazione della temperatura corporea, un team di ricercatori dell'Università svedese di Lund e dell'Università Eotvos Lorand, in Ungheria, si è spinto oltre e attraverso una ricerca ha scoperto che il naso degli amici a quattro zampe funge da rilevatore di calore ultra sensibile.

VIDEO - Avere un cane allunga la vita

In uno studio pubblicato su Scientific Reports, il gruppo di studiosi ha scoperto che quando la temperatura ambiente è di 30° C, il rinario di un cane - la punta nuda del naso - è più fresco di circa cinque gradi. Se la temperatura esterna è 0° C, il naso di un cane sarà di circa otto gradi.

I ricercatori hanno creduto che tali differenze suggerissero che la punta del naso avesse una funzione sensoriale. Lo studio ha infatti mostrato che il naso di un cane è in grado di rilevare fonti di calore spesso molto deboli - come la presenza di un piccolo mammifero - a un metro e mezzo di distanza. I due team hanno studiato il comportamento di tre cani - Kevin, Delfi e Charlie - che sono stati addestrati per identificare quale di due identici oggetti larghi quattro pollici fosse stato riscaldato a circa 12 gradi in più della temperatura ambiente.

"Tutti e tre i cani sono stati in grado di rilevare stimoli di radiazioni termiche deboli", ha evidenziato la ricerca.

"Inoltre - specificano i ricercatori -, abbiamo impiegato la risonanza magnetica funzionale su 13 cani svegli, confrontando le risposte agli stimoli del calore alle stesse temperature dell'esperimento comportamentale. Lo stimolo caldo ha suscitato una maggiore risposta neurale. 'Tutti gli stimoli del calore radiante utilizzati nei nostri esperimenti erano troppo deboli per essere avvertiti dalle mani umane, anche a distanze molto brevi. Abbiamo dovuto toccare le superfici per sentire il calore".

VIDEO - Ritrova il cane dopo due giorni