Il nido dei sogni è questa casa sull'albero che assomiglia ad una kongla: la pigna norvegese

Di Isabella Prisco
·2 minuto per la lettura
Photo credit:  Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen

From ELLE Decor

Come suggerisce la sua etimologia, la parola rifugio, derivante dal latino refugĕre, rifuggire, significa luogo in cui trovare ricovero e riparo. Proprio come un nido. E Woodnest, doppia architettura camaleontica immersa nel verde norvegese, ne è un esempio a dimensione uomo. Nascoste sulle ripide colline boscose intorno al fiordo Hardangerfjord, sopra Odda, villaggio non molta distante da Bergen, si trovano infatti due particolari case sugli alberi che reinterpretano il concetto di riparo. Sospese a 5-6 metri sopra il terreno e costruite intorno al tronco di un pino, sono la risposta progettuale dello studio Helen&Hard Architects alla richiesta della famiglia Aano. "Se mai sposerò quella ragazza, le costruirò una casa sull'albero in cui fare la proposta", si era infatti promesso Kjartan, un timido norvegese, innamorato di una ragazza di Sydney. Proprio con lei, Sally, e la loro figlia Lily, ha così dato seguito al suo sogno.

Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen

"La casa sull'albero è sempre stata un posto speciale per noi, un luogo in cui fuggire, connettersi, rilassarsi, godersi la creazione, respirare aria fresca, avventurarsi in escursioni, godersi il tempo insieme", hanno raccontato i due. Con l'intento di condividere la piacevole emozione di soggiornare sospesi a mezz'aria nel cuore della natura più selvaggia, è nato così il progetto di Woodnest. Il viaggio verso il doppio nido inizia con una camminata di 20 minuti che parte dalla città di Odda, ai margini del fiordo, e sale attraverso il bosco attraverso un ripido sentiero tortuoso. Ad ogni casa sull'albero si accede poi attraverso un piccolo ponte di legno che conduce il visitatore all'interno della struttura. Struttura che, in soli 15 metri quadrati, accoglie quattro posti letto, un bagno, una zona cucina e uno spazio abitativo.

Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen
Photo credit: Sindre Ellingsen

Al centro del progetto realizzato dal team di esperti di Helen&Hard Architects, Reinhard Kropf, Siv Helen Stangeland, Dag Strass, Simon Baumann, Odin Olesen, ci sono la valorizzazione e l'apprezzamento del legno utilizzato come unico materiale da costruzione. Ispirata all'architettura norvegese vernacolare, che vede nell'essenza lignea il cuore della propria tradizione, la struttura sostenuta dal tronco d'albero si completa in una una serie di costole radiali che la fanno assomigliare ad una grande kongla, la pigna del Nord. Le scandole in legno naturale non trattato ricoprono infatti il volume complessivo ricreando una sorta di seconda-pelle protettiva intorno all'edificio, che sembra respirare e fondersi con il paesaggio circostante. Un'esperienza immersiva che vale la pena il viaggio.

www.woodnest.no