Il nuovo taglio corto di Anna Foglietta è un tuffo negli Anni 80 (per raccontare una storia importante)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images

In queste ore Anna Foglietta, madrina di Venezia 2020, è tornata sotto i riflettori con una serie tv che narra un pezzo di storia italiana: Alfredino. Nella produzione Sky l'attrice interpreta il ruolo di Franca Rampi, la madre del bambino scomparso nel 1981 dopo essere caduto accidentalmente in un pozzo artesiano a Vermicino, in provincia di Frascati. Un ruolo non facile, come ha spiegato la stessa Foglietta nel suo ultimo post Instagram, che l'ha fatta a lungo esitare e poi accettare per "puntare un faro sul risvolto straordinario che questa maledetta vicenda ha avuto: la nascita della Protezione Civile". Oltre a essersi calata nel dolore della signora Rampi, l'attrice si è calata alla perfezione anche nel suo look: un taglio capelli corti in puro stile Anni 80, che la vede in un'inedita versione castana. E che i fan hanno apprezzato parecchio.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Un salto negli Anni 80 per Anna Foglietta che con questo taglio rispolvera una forma che all'epoca era chiamata garçonne" commenta l'hairstylist Cristiano Filippini. "La particolarità di questa forma sta nella pulizia dei contorni che sono corti e ben definiti, a differenza della parte superiore che viene lasciata significativamente lunga. In quella scelta da Anna i capelli sono divisi da una riga ben definita che consente all'attrice di spostarli senza vincoli dal lato che preferisce o con la riga in mezzo" prosegue l'esperto. "Il garçonne è molto bello anche se tagliato più corto sul ciuffo con una sorta di frangia, anche se rimane ovviamente più statico rispetto a questo della Foglietta che invece è più morbido e fluido".

A chi sta bene il taglio corto alla garçonne di Anna Foglietta in Alfredino? "Per scegliere la versione migliore è importante capire quale zona del viso intendiamo valorizzare" spiega l'esperto. "Nel caso di un viso tondo, molto meglio scegliere la versione più lunga con la possibilità di lasciar cadere i capelli sui lati del viso come in questo realizzata su Anna. Nei visi allungati o dove intendiamo spostare l'attenzione sugli occhi, meglio optare per la versione frangia o ciuffo".

Cristiano Filippini, fondatore di [#1]HAIRLAB, hairstylist dal 1996: "Ho sempre puntato tutto sull'aggiornamento, le nuove tendenze e la consulenza alla cliente finale, basandomi sulla morfologia, l'incarnato e il rispetto del capello e della sua portabilità". Lo trovate anche su Instagram come @cri.filippini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli