Il primo appuntamento tra Elettra Lamborghini e AfroJack è stato un disastro (cit.), parliamone

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Tristan Fewings - Getty Images
Photo credit: Tristan Fewings - Getty Images

From Cosmopolitan

Rewind a un anno fa. A quando, proprio il giorno di Natale, Nick Van de Wall ha preso il coraggio a due mani (e un anello di fidanzamento degno di nota) e davanti a futuri/probabili suoceri e cognate ha chiesto alla fidanzata di diventare sua moglie. Il resto è storia, Elettra Lamborghini ha detto sì, l'ha urlato al mondo su Instagram e ha sfidato la pandemia per avere il suo matrimonio da sogno sul Lago di Como. Oggi Miss Lambo e il suo deejay vivono felici e contenti a Milano anche se il lavoro li porta in giro per il mondo (a Capodanno erano a Gstaad) coltivando il desiderio di allargare la famiglia (prima o poi). Ma tornando al C'era una volta, com'è andato il primo appuntamento tra la Twerking Queen e il BFF di David Guetta? “Un disastro". Benissimo.

Dal salotto di Silvia Toffanin, Elettra è tornata a parlare del primo appuntamento con il deejay olandese, che un po' come nelle rom com che tanto ci piacciono (hai detto Bridgerton?) non è stato proprio rose e fiori. "Un disastro", ha ricordato a Verissimo, "mi ha portato fuori e ha tirato sotto un porcospino. Nessun bacio, non gliel’ho data e gli ho detto se ti bacio bisogna essere fidanzati". Più chiaro di così. E lui? Il "gigante buono che non è come quegli scemi che guarda le altre" ha aspettato e perseverato dimostrando di voler fare le cose per bene e soprattutto di avere intenzioni serie. E fast forward, ne è valsa la pena. "È la persona più dolce e adorabile che abbia mai incontrato in vita mia, e l'unico uomo che posso davvero chiamare UOMO", le parole scelte da Miss Lamborghini per l'annuncio social del suo matrimonio (vedi sopra), "ogni giorno penso a quanto sono fortunata ad aver trovato qualcuno con un grande cuore come lui, che crede ancora nella famiglia ed è così simile a me. Le persone dicono: "Quando è la persona giusta, lo senti". L'ho sentito dall'inizio, questo sarà per la vita".

Ebbene sì, niente baci, niente pem pem e fiumi di champagne alla Super Shore, ma un corteggiamento d'altri tempi senza brusche accelerate e colpi di testa. "L’immagine di mia figlia, magari sopra le righe, che vedete in pubblico, non corrisponde alla sua anima pura, lei odia le maldicenze e ha un forte senso di giustizia”, aveva detto mamma Luisa Peterlongo al settimanale Gente confermando l'attaccamento della figlia ai valori più tradizionali. Stessi principi che stanno a cuore a Nick "molto corretto", "con la testa sulle spalle e anzi fin troppo saggio", come confidato da papà Tonino Lamborghini (figlio di Ferruccio, fondatore dell'omonima azienda orgoglio del made in Italy nel mondo) che ha subito dato la sua approvazione. E vissero felici e contenti.