"Il rossetto è ancora simbolo di empowerment femminile". Parola di Natalia Vodianova

Michela Motta
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Benjamin De Lapparent
Photo credit: Benjamin De Lapparent

From ELLE

Sorpresa: il rossetto è ancora simbolo di empowerment femminile. Anche per una delle top più belle del mondo: Natalia Vodianova.

In un mondo in cui tutto cambia velocemente, Natalia Vodianova è un'eccezione. La top model russa, 38 anni, arrivata a Parigi quando ne aveva 17, è da dodici anni il volto di Guerlain. Un legame forte quello con la maison di bellezza che Natalia chiama “famiglia”. E che racconta in questa intervista.

Com'è iniziata la sua collaborazione con Guerlain?

Tutto è cominciato 12 anni fa con la campagna pubblicitaria per la mitica fragranza Shalimar.

Che cosa significava per lei quel lavoro all’epoca?

Prima di essere ambasciatrice Guerlain, non conoscevo la maison molto bene. Ricordo un aneddoto divertente: quando ho ricevuto la proposta, stavo pranzando con un'amica parigina. Le ho detto di questa opportunità e le ho chiesto se conoscesse Guerlain. Il suo viso immediatamente si è illuminato: non solo conosceva Guerlain, ma aveva una storia sentimentale con la maison. Shalimar è stato il suo primo profumo, quello che indossava anche al suo primo appuntamento. Grazie a loro ho avuto la possibilità di raccontare storie: dal 1828 hanno un forte legame con le donne.

Qual è il suo miglior ricordo di questi anni?

Ce ne sono tanti! Come le riprese della campagna pubblicitaria di Shalimar in India, al Taj Mahal. Amo l’India e tornarci con la mia famiglia Guerlain è stato emozionante. Ovviamente, anche lo scatto memorabile di Paolo Roversi per il profumo: quando è uscita la foto in bianco e nero, ricordo di essermi sentita super orgogliosa. E anche il viaggio in Cina con Olivier Echaudemaison, direttore creativo del make up. È un personaggio ironico con grandi valori umani. Ci siamo molto divertiti insieme.

Che cosa la affascina dello stile francese?

La loro capacità di identificare istintivamente i propri punti di forza e valorizzarli: questo atteggiamento francese ha a che fare con la conoscenza e la fiducia in se stessi. È quel famoso je ne sais quoi: l'essere consapevoli del proprio potenziale e sfruttarlo al meglio.

Qual è il suo prodotto preferito?

Terracotta. Questa polvere nata negli anni Ottanta ti fa sentire subito più radiosa. E se stai meglio nella tua pelle, stai meglio nella tua testa. È una dose di sole compatta da utilizzare nella vita di tutti i giorni per camuffare le piccole imperfezioni lasciando sulla pelle un effetto di “sano splendore”.

Qual è stata la sua prima impressione quando ha scoperto Rouge G, l'iconico rossetto Guerlain di cui è il volto?

Ricordo di aver pensato “ho in mano un oggetto prezioso, non un rossetto”. Quando l’ho aperto, è apparso uno specchio: “Effetto wow”. Questo rossetto è diverso, davvero unico.

Qual è la sua combinazione di colori preferita?

Mi piace la custodia verde Emerald Wish, super elegante. Per quanto riguarda il rossetto, attualmente indosso la tonalità corallo n. 43: non è rosso, ma il colore rimane molto luminoso, quasi pop.

Indossare il rossetto la fa sentire più forte?

Il trucco, come un vestito, ha il potere di cambiare il mio stato d’animo. Il mio atteggiamento non è lo stesso quando indosso un paio di jeans o un abito da sera. Succede lo stesso con il rossetto: un tocco di colore può davvero trasformare il modo in cui ti vedi. Per me Rouge G è davvero un simbolo di empowerment: rivela qualsiasi personalità e aumenta la fiducia in se stessi. A seconda dell’ora, del giorno o dell’umore, può essere applicato a piccoli tocchi oppure più intensamente. Per me il rossetto aiuta a sentirsi all’altezza.

Qual è il suo primo ricordo legato al rossetto?

Ho sempre visto mia nonna portare il rossetto rosso. Oggi ha 90 anni e ancora se lo mette.

Gioiello da borsetta

Ecco Rouge G, l'iconico rossetto di Guerlain di cui Natalia Vodianova è il volto, nel suo combo preferito:

Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo