Il sapone non sapone è il nuovo alleato super soft per la detersione del viso

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Sincerely Media su unsplash
Photo credit: Sincerely Media su unsplash

Se dopo la detersione mattutina e serale sentite la pelle del vostro viso tirare, è segno che il prodotto di pulizia che state usando non è quello giusto. Spesso e volentieri, la voglia (talvolta smania) di ottenere una pelle perfettamente pulita e purificata, ci fa scegliere cosmetici di pulizia troppo aggressivi ed eccessivamente sgrassanti. Che, su tipologie di pelle delicate, sottili e sensibili, si rivelano un pericoloso boomerang, creando le premesse per rossori e secchezza. La soluzione? Il sapone non sapone, detergente dalla formula delicata, rispettoso del pH di tutti i tipi di pelle. Parola all'esperta.

Sapone non sapone per una pulizia delicata e rispettosa

Se l'igiene è diventata una priorità assoluta nelle nostre vite, attenzione alla scelta del prodotto. Come sottolinea la dottoressa Dvora Ancona, medico estetico di Centro Dvora Milano (www.dvora.it), "il sapone non sapone non viene prodotto alla maniera classica, ovvero attraverso la reazione di saponificazione, ma si ricava sinteticamente da tensioattivi specifici per il benessere della pelle. Il pregio numero uno del sapone non sapone è che si tratta a tutti gli effetti di un prodotto dermocompatibile. Merito della sua formula con pH molto simile a quello fisiologico della cute (cosa che non accade con gran parte dei detergenti tradizionali). Grazie a valori di pH che spaziano da 3.5 fino al neutro 7, i saponi non saponi si prestano a essere usati senza problemi anche dalle pelli sensibili e/o con problematiche particolari".

Gli ingredienti skin-friendly del sapone non sapone

Photo credit: Photo by Aurélia Dubois on Unsplash
Photo credit: Photo by Aurélia Dubois on Unsplash

Al cuore della formula del sapone non sapone, troviamo attivi protettivi e delicati. "Si va dai surgrassanti, sostanze che restituiscono alla cute i lipidi di cui ha bisogno, all'amido di riso, forse l'ingrediente più diffuso nei saponi non saponi per la sua estrema delicatezza e dermocompatibilità, tanto da essere indicato anche per la pelle dei bambini. Spesso la formula del sapone non sapone include percentuali di acido ialuronico, la sostanza più adatta a richiamare e trattenere l'acqua sulla superficie cutanea, acque termali, promotrici della rigenerazione cellulare, allantoina, attivo riepitelizzante, anti infiammatorio e anti-arrossamento, e pantenolo, dalle spiccate proprietà idratanti, emollienti e lenitive. E non vi fate trarre in inganno dalla poca schiuma che il sapone non sapone produce: è un segnale inequivocabile della sua estrema delicatezzza".

Sapone non sapone, basta un click su Amazon