Il talent dei virologi

Adele Sarno
·Social media editor, L'Huffington Post
·4 minuto per la lettura
Andrea Crisanti e Matteo Bassetti ospiti a "L'aria che tira" su La7 (Photo: La7)
Andrea Crisanti e Matteo Bassetti ospiti a "L'aria che tira" su La7 (Photo: La7)

Il sesso al tempo del Covid? “L’invito purtroppo è a quella che potrebbe esser drammaticamente un’astinenza, per non dire ad attività onanistiche come unica alternativa”. Le parole sono di Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario IRCCS dell’ospedale Galeazzi di Milano. “Il guaio è che anche il nostro familiare può essere asintomatico”, conclude il virologo parlando alla Zanzara su Radio2. Il consiglio anche se rischia di generare facile ironia è serissimo. Come sempre lo sono i pareri e le raccomandazioni dei medici che da mesi vediamo in tv o sui giornali. Fabrizio Pregliasco, Andrea Crisanti, Alberto Zangrillo, Roberto Burioni, Pier Luigi Lopalco, Ilaria Capua, Massimo Galli, Walter Ricciardi, Maria Rita Gismondo, Silvio Brusaferro, Giuseppe Ippolito, Matteo Bassetti. Sono immunologi e virologi serissimi, membri della comunità scientifica nazionale e internazionale. Il loro lavoro ha indagato il Covid, e ci ha aiutato a comprenderlo meglio. Intere nazioni in questo periodo stanno stravolgendo le proprie abitudini seguendo i loro “dettami”.

Prima di questa pandemia non eravamo abituati alla figura del virologo, sia in quanto medico, ma soprattutto in quanto personaggio pubblico. Oggi esondano, sono presenzialisti, non negano interviste o apparizioni in tv, e anche quando sono impegnatissimi non si risparmiano mai: c’è sempre spazio per un tweet, per un post su Facebook o per una breve intervista. “Meglio non sedersi a tavola in tanti”; “Teniamo la mascherina anche al chiuso”; “Laviamo le buste del supermercato? Sì”. Anzi “No”. Disinfettiamo la penna a scuola? “Inutile”. Teniamo i guanti? “Sì fondamentali”. “No, inutili”. “Il virus non è meno potente ma abbiamo imparato a curarlo”. “Il vaccino arriverà ma non risolverà”. “Sarà alla fine del 2020, anzi del 20212”. “Sarà per molti ma non per tutti”. “Prima gli anziani o i bambini?”. “Il sesso? Meglio non farlo”.

Li vediamo muoversi e agire come i protagonisti del talent del momento. Ma il destino è lo stesso? Ne rimarrà soltanto uno? Lo abbiamo chiesto a Google, che sui numeri e le tendenze non ha rivali. Prima di digitare “Virologi ita….” ho cancellato tutta la cronologia e ho aperto una finestra di navigazione in incognito. Questo dovrebbe aiutarci ad avere una classifica più “pulita” possibile. Il secondo risultato fa riflettere: “virologi italiani famosi” precede “virologi italiani covid”.

Google (Photo: Google)
Google (Photo: Google)

Google trends ci mostra che l’interesse nato attorno al Coronavirus è altissimo e che le apparizioni televisive dei virologi li fanno apparire come star. Uno studio pubblicato da “Mediamonitor di Cedat 85” ha raccolto il numero di occorrenze di ogni virologo (dal 21 febbraio al 20 aprile). In quel periodo i tre più amati erano: il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro (9133 citazioni); Walter Ricciardi (8339), consulente speciale del Ministero della Salute sull’epidemia e membro dell’esecutivo dell’Oms; Roberto Burioni, virologo dell’ospedale San Raffaele (6581). Ma oggi è ancora così? Le ricerche su “Google” confermano il boom di aprile. Ma ci dicono un’altra cosa che gli italiani dopo un po’ si annoiano. Stanchi del virologo della settimana passano a quello successivo.

Se stringiamo le ricerche di Google Trend alla seconda ondata. Ecco che le cose cambiano di nuovo. Aggiungiamo per esempio Antonella Viola, direttrice Scientifica dell’Istituto di Ricerca Pediatrica (IRP-Città della Speranza), e Fabrizio Pregliasco alla ricerca. Ecco che il quadro ci racconta l’effetto novità rappresentato da Viola, che appare meno degli altri.

virologi (Photo: GOOGLE TREND)
virologi (Photo: GOOGLE TREND)

E per restare in tema Talent, ecco che il confronto a due lo vince Antonella Viola, che meno inflazionata, ha tutti gli occhi puntanti su di lei.

google (Photo: Google)
google (Photo: Google)

Ma il nostro Talent dei virologi continua. Mandiamo alle nomination Pier Luigi Lopalco, il virologo di Emiliano che poi ha deciso di candidarsi con il Pd, e Andrea Crisanti, il virologo dei tamponi, quello che ha elaborato la strategia che ha frenato il Covid in Veneto durante la prima ondata, otteniamo questo risultato. Crisanti mantiene la sua popolarità, Lopalco no. Chi cerca informazioni su di usa Google dalla Puglia.

lopalco crisanti (Photo: Google)
lopalco crisanti (Photo: Google)

E se ancora una volta aggiungiamo Antonella Viola, vediamo che le ricerche correlate subiscono un’impennata. Pregliasco? Cala. Troppo inflazionato?

- (Photo: Google)
- (Photo: Google)

L’ultimo confronto a 5. Vediamo Ilaria Capua, Andrea Crisanti, Antonella Viola, Fabrizio Pregliasco e Roberto Burioni. Negli ultimi 12 mesi hanno avuto il momento di notorietà massima durante la prima ondata. L’unica che tiene nel tempo è Ilaria Capua.

Il confronto sugli ultimi 12 mesi tra Ilaria Capua, Andrea Crisanti, Antonella Viola, Fabrizio Pregliasco, Roberto Burioni (Photo: Google Trends)
Il confronto sugli ultimi 12 mesi tra Ilaria Capua, Andrea Crisanti, Antonella Viola, Fabrizio Pregliasco, Roberto Burioni (Photo: Google Trends)

Insomma le loro opinioni sono serissime, ma il presenzialismo stanca. È come un talent, dove il destino del virologo è segnato ed è quello del marziano di Flaiano. Quando atterra a Roma con la sua astronave, tutti vogliono vederlo, salutarlo, parlargli, intervistarlo. Viene perfino ricevuto dal Papa. Passato l’effetto novità, però, nessuno pensa più al marziano. Che resta triste e solitario, con la gente che lo sbeffeggia e lo convince a ripartire.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.