Il vis à vis tra le nuove cabine armadio è una questione irrisolta tra vedo e non vedo

Di Isabella Prisco
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy Photo Lago
Photo credit: Courtesy Photo Lago

From ELLE Decor

Mostrare o nascondere? L'evoluzione della cabina armadio tende tra costruzioni architettoniche che giocano con la poeticità della trasparenza e la continuità di soluzioni fortemente materiche. Semplificando, potremmo individuare nella progettazione delle novità 2020 due macro-tendenze: da un lato, progetti che lasciano abiti e accessori completamente esibiti, dall'altro, sistemi contenitori che si integrano alle pareti celando il guardaroba dietro a dense ante scorrevoli. Così, alla nitidezza del vetro si contrappone, spesso, l'opacità del legno, fra armadi a muro e walk-in closet apri&chiudi. L'opposizione tra vedo e non vedo, tra manifesto e celamento, si risolve tuttavia nella scelta quasi unanime di cabine armadio personalizzabili: generose nelle dimensioni, sono accessoriabili e realizzabili su misura. Due esempi? Vi presentiamo Outfit di Lago e Moduor di Rimadesio.

Photo credit: Courtesy Photo Lago
Photo credit: Courtesy Photo Lago

Pensato come uno spazio estremamente personalizzabile e liberamente organizzabile, Outfit, la nuova cabina armadio disegnata da Daniele Lago per Lago (anche nella foto in apertura), si costruisce intorno a un'architettura curata e solida che dà forma ad un contenitore intimo e personale dove si incontrano funzionalità e design. All’interno lo spazio a vani, rigorosamente personalizzabile, arricchito da preziose finiture come gli schienali disponibili in nobilitato o stampati in XGlass, è organizzato con attrezzature ed accessori che aiutano a mantenere il massimo ordine. Aspetto fondamentale se si considera che tutto ciò che viene riposto all'interno della struttura rimane a vista.

Photo credit: Courtesy Photo Rimadesio
Photo credit: Courtesy Photo Rimadesio

“Modulor è un sistema in continua evoluzione, capace di integrare le diverse funzioni tipologiche della collezione Rimadesio, adattandosi a ogni condizione architettonica preesistente”. Spiega così Giuseppe Bavuso il progetto polifunzionale da lui disegnato per l'azienda guidata da Davide Malberti che, quest'anno, si arricchisce di nuove funzionalità. Grazie all’integrazione di vani attrezzati, la boiserie accoglie la funzione di contenitore: un’ulteriore evoluzione che scandisce un programma realizzato sempre su misura, già configurabile con attrezzature sospese, mensole, porte a tirare/a spingere e vani di passaggio. In particolare, per la zona notte, Modulor integra elementi guardaroba personalizzabili con aste portabiti, cassettiere, porta-pantaloni e sostegni, rivestendo le pareti a effetto continuo con soluzioni lineari, ad angolo interno ed esterno. Tra le 158 finiture disponibili, spicca Litech, l’esclusiva gamma capace di ricreare texture, effetti e colori ispirati alla natura utilizzando materiali prodotti con minerali purissimi fusi ad alta temperatura e realizzati grazie a una tecnologia di stampa full digital ecosostenibile.

Photo credit: Courtesy Photo Rimadesio
Photo credit: Courtesy Photo Rimadesio