Immunità al Covid, quanto durano gli anticorpi? Lo studio su Vo' Euganeo

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Quanto possono durare gli anticorpi al Covid-19 di chi ha contratto il virus? La risposta arriva da uno studio condotto su Vo' Euganeo, il paese nel Padovano che per primo ha fatto i conti con i decessi da coronavirus nel corso della prima ondata.

Stando ai dati raccolti e successivamente pubblicati su Nature, gli anticorpi naturali potrebbero persistere almeno 9-10 mesi. L'indagine, condotta su 125 residenti di Vo' e frazioni tra chi aveva contratto il virus con sintomi e altri asintomatici, dimostrano che l'esposizione diretta nel corso della seconda ondata non ha causato una ricaduta.

Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova, ha sottolineato: "Quello che abbiamo visto è che gli anticorpi, per lo più neutralizzanti, restano in circolo fino a 10 mesi, senza sostanziali differenze nel titolo anticorpale tra sintomatici e asintomatici e neppure tra classi di età". Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, dunque, dallo studio sembra arrivare il suggerimento dell'esistenza di una sorta di "barriera protettiva" piuttosto duratura per chi ha incontrato Sars-CoV-2.

VIDEO - Chi è Andrea Crisanti

Gli studi su Vo' sono sempre risultati utili alla comunità scientifica nel corso della pandemia. I suoi 3200 abitanti sono stati testati assiduamente con tamponi e analisi sierologiche e, nel caso dell'ultima indagine, i dati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica. Lo studio ha rilevato che 125 residenti, positivi all'infezione a febbraio-marzo 2020, hanno ancora gli anticorpi contro Covid: "Come c’era da aspettarsi gli anticorpi dopo nove mesi diminuiscono, pur restando piuttosto elevati".

"L’aspetto interessante e soprattutto rassicurante è che 18 persone sono state esposte a positivi a Sars-CoV-2 durante la seconda ondata perché condividevano la casa o avevano rapporti stretti: nessuno di loro si è riammalato. Sappiamo con certezza- ha aggiunto Crisanti - che queste persone sono entrate di nuovo in contatto con il virus perché il livello dei loro anticorpi è aumentato, come se avessero fatto il richiamo del vaccino, ma non si sono ammalate, e questa è un’ottima notizia".