Incidente domestico per Federica Panicucci, che però stoica non rinuncia alla tv

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Franco Origlia - Getty Images
Photo credit: Franco Origlia - Getty Images

From ELLE

The show must go on e Federica Panicucci l'ha scritto indelebile su un post it appiccicato al frigo. Da quando il 7 settembre 2009 ha accettato il timone di Mattino Cinque non ha mai perso una puntata (regalandoci perle fashion niente male) ed è un dato di fatto. E per la legge delle probabilità, in 11 anni e mezzo, anche alla regina del morning show di canale 5 devono essere capitati impedimenti, imprevisti ed emergenze. Nei giorni scorsi ne abbiamo avuto la riprova: martedì la conduttrice si è presentata in trasmissione con le dita fasciate. "Vorrei dire di aver giocato a pallavolo, invece ho avuto un incidente domestico, mettiamola così. Si nota molto? Dovrò tenere le dita fasciate per qualche giorno. Non è bellissimo da vedere ma non posso farne a meno. Ho avuto momenti migliori", ha spiegato frettolosamente e non entrando nel dettaglio della dinamica dell'incidente, poi snocciolata per gli aficionados su Instagram.

"In tanti mi avete chiesto cosa fosse successo alle mie mani, in tanti mi avete scritto messaggi affettuosi. Grazie a tutti", ha scritto la conduttrice poche ore fa sul suo seguitissimo account IG (i followers sono un milione, niente male). "Oggi sorrido perché il peggio è passato e le mie dita guariscono velocemente. Spesso una distrazione può essere fatale e a me è successo così, lunedì, nella mia cucina di casa", ha spiegato, "non importa, è stato solo un brutto momento, io guardo avanti e dico... passerà!". Quindi, esattamente, cos'è successo?

Più dettagli nelle stories, in cui, al fianco del fidanzato Marco Bacini, Federica ha raccontato con maggiori particolari il fattaccio avvenuto lunedì. "Ho afferrato la griglia dei fuochi per spostarla e pulire sotto, dimenticandomi che avevo appena cucinato", ha spiegato. Dunque, una griglia incandescente sollevata con entrambe le mani, un'ustione “bella tosta” e un dolore “disumano e indescrivibile”. Il racconto procede con il dopo incidente, lo spavento, il sangue freddo e la corsa in farmacia. "Sono riuscita ad andare in farmacia e sono stati bravissimi. Mi hanno subito medicato con pomate, bende e garze sterili", medicazioni che dovrà tenere per una settimana. "Mi raccomando state sempre molto attenti in casa, perché ci sono un sacco di insidie", il monito (sacrosanto) che potrebbe conquistarsi un posto di rilievo sul frigo di cui sopra.