Incidente sulla Fi-Pi-Li, morta a 25 anni Carolina Contini: il fidanzato risarcirà la famiglia

·2 minuto per la lettura
incidente
incidente

In relazione al drammatico incidente sulla superstrada Fi-Pi-Li nel quale perse la vita la giovane Carolina Contini, il fidanzato della ragazza che si trovava alla guida dell’auto è stato condannato in appello a pagare il risarcimento del danno.

Carolina Contini morta in un incidente, Corte d’appello: il fidanzato condannato a risarcire il danno

Il 19 ottobre 2013, Carolina Contini è morta all’età di 25 anni a causa di un incidente stradale. La giovane donna si trovava in auto con il suo fidanzato Iacopo Giovannelli che, mentre stava guidando, perse improvvisamente il controllo del mezzo, schiantandosi contro un guard rail sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno.

A quasi un decennio di distanza dal drammatico evento, l’uomo – che all’epoca dei fatti aveva 28 anni – è stato condannato in appello a risarcire il danno causato. Secondo l’accusa, infatti, il fidanzato della vittima è stato giudicato responsabile di aver perso il controllo del veicolo e di aver provocato l’incidente a causa del quale Carolina Contini riportò gravi traumi che ne indussero la prematura scomparsa, poco dopo il suo arrivo in ospedale.

Il fidanzato della 25enne era stato inizialmente assolto in primo grado e la procura aveva deciso di non presentare ricorso contro la sentenza emanata.

Carolina Contini morta in un incidente, Corte d’appello: il processo di appello per sola parte civilistica

Nel 2018, quindi, era stato inaugurato il processo di appello per sola parte civilistica ma, in questa circostanza, i familiari di Carolina Contini – assistiti dall’avvocato Fabio Anselmo – hanno deciso di presentare ricorso, dopo essersi costituiti parte civile.

In appello, Iacopo Giovannelli, difeso dall’avvocato Francesco Maresca, è stato condannato non solo al risarcimento del danno ma anche al pagamento di una provvisionale pari a 610.000 euro ai familiari della 25enne.

Per quanto riguarda i reati di natura penale, invece, in assenza di appello presentato dalla procura, risulta essere stato assolto in via definitiva.

Carolina Contini morta in un incidente, Corte d’appello: la condanna di Iacopo Giovannelli

In occasione dell’udienza preliminare del processo, la procura generale aveva presentato le proprie conclusioni scritte, chiedendo che Iacopo Giovannelli venisse assolto non solo sul piano penale ma anche sul piano civile. Le richieste della procura generale avevano innescato la furia del padre di Carolina Contini che decise di scrivere una lettera di proteste indirizzata al ministro della Giustizia Marta Cartabia.

Il processo, infine, si è concluso con la condanna per gli interessi civili.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli