In Inghilterra e Galles verrà presentata una legge che vieta i matrimoni precoci (sì, nel 2021)

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Lydia Sudarikova / EyeEm - Getty Images
Photo credit: Lydia Sudarikova / EyeEm - Getty Images

“A 16 anni, sono stata derubata della mia infanzia, quando mi sono ritrovata in piedi in un abito da sposa in un giardino a Londra, di fronte a un uomo con il doppio dei miei anni, che non conoscevo". A raccontare questa esperienza è l'attivista Payzee Mahmod e ciò che colpisce è il dettaglio di quel "giardino a Londra": no, non stiamo parlando di un Paese dove le ragazzine non hanno leggi che le tutelino, ma del Regno Unito. Lì anche la sorella di Payzee, Banaz, ha subito la stessa sorte e, dopo essere fuggita dal marito violento è stata uccisa da suo padre e suo zio: un vero e proprio delitto d'onore. Quando Payzee ha compiuto 18 anni, ha divorziato e ha organizzato il funerale di Banaz, tutto nello stesso mese. Da allora si batte perché nel Regno Unito vengano vietati i matrimoni precoci e oggi, finalmente, un disegno di legge verrà discusso in Parlamento.

Come spiega il Guardian, attualmente, i matrimoni e le unioni civili sono legali a 16 e 17 anni purché ci sia il consenso dei genitori. Questo, oltre a essere in contrasto con la legislazione internazionale, risulta una scappatoia "spesso utilizzata come meccanismo di abuso", spiega la parlamentare Pauline Latham, che venerdì presenterà il suo disegno di legge per cambiare le cose. Secondo Latham una legge del genere potrebbe avere "un impatto notevole su tanti bambini piccoli, per lo più ragazze ma anche alcuni ragazzi", "Potrebbe trasformare le loro possibilità di vita e il loro futuro". L'anno scorso, fa notare il Guardian, circa un quarto dei 753 casi trattati dall'unità per matrimoni forzati del Regno Unito riguardava dei minori di 18 anni. Inoltre, secondo l'Office of National Statistics, tra il 2007 e il 2017, in Inghilterra e Galles sono stati registrati legalmente 3.096 matrimoni che coinvolgevano ragazzini tra i 16 e i 17 anni. Questi, però, sono solo i dati ufficiali, secondo gli attivisti i matrimoni religiosi che coinvolgono dei minori e che non vengono ufficializzati sono ancora più comuni, motivo per cui vorrebbero criminalizzare tutti i matrimoni precoci.

Il nuovo disegno di legge, se approvato, dovrebbe andare in questa direzione dato che, oltre a fissare l'età minima per le unioni civili e il matrimonio a 18 anni, renderebbe illegale porre in essere “qualsiasi condotta finalizzata a far contrarre un figlio al matrimonio”, con una pena massima di sette anni di reclusione. “Questo è un enorme passo avanti verso la fine dei matrimoni precoci. Finora non eravamo mai riusciti ad arrivare a questo punto. Abbiamo avuto dei colloqui con il governo che sono molto positivi. Venerdì sapremo", ha commentato Natasha Rattu, direttrice di Karma Nirvana un'organizzazione benefica che nell'ultimo anno si è occupata di 78 casi di matrimoni precoci in Inghilterra e Galles di cui solo quattro erano registrati. Non resta che aspettare di vedere a cosa condurrà la discussione in Parlamento. "L'infanzia fino ai 18 anni", ha detto Payzee Mahmod nel suo Ted Talk, "dovrebbe essere una fase per crescere, imparare e seguire i propri sogni", i matrimoni precoci dovrebbero essere illegali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli