Insonnia prima del travaglio: le cause principali e cosa fare

Insonnia prima del travaglio
Insonnia prima del travaglio

Soffrite di insonnia prima del travaglio e non sapete quanto sia normale? Sebbene in alcuni casi l’insonnia possa segnalare che il travaglio si sta avvicinando, l’assenza di insonnia non significa che una persona non entrerà presto in travaglio. Non tutte sperimentano questo sintomo.

Inoltre, altri fattori possono causare l’insonnia più avanti nella gravidanza, come l’ansia per il parto. Di conseguenza, non è necessariamente un indicatore affidabile dell’imminenza del travaglio. Continuate a leggere per saperne di più sul perché si soffre di insonnia prima del travaglio e su come gestirla.

È comune soffrire di insonnia prima del travaglio?

L’insonnia prima del travaglio è comune. Il sonno tende a diventare sempre più disturbato con il progredire della gravidanza. Ciò è dovuto ai disagi fisici della gravidanza e ai cambiamenti fisiologici nei modelli di sonno.

In una revisione e meta-analisi del 2021 che includeva i dati di 8.798 partecipanti, il 42,4% ha riferito di soffrire di insonnia nel terzo trimestre. Il tasso di insonnia è aumentato con ogni trimestre.

Quali sono le cause dell’insonnia prima del travaglio?

Molti fattori diversi possono contribuire all’insonnia prima del travaglio. Tra questi vi sono:

  • Disagio fisico: La crescita del corpo può rendere più difficile trovare una posizione comoda per dormire, soprattutto se si soffre di dolori legati alla gravidanza. Inoltre, alcune gestanti si svegliano più spesso di notte per urinare, il che può causare ulteriori disturbi.

  • Cambiamenti ormonali: Quando il travaglio si avvicina nelle ultime settimane di gravidanza, il corpo produce più ossitocina. Questo ormone aiuta a stimolare il travaglio, ma favorisce anche la veglia. Anche i livelli di ormoni tiroidei possono aumentare durante la gravidanza, il che può disturbare il sonno.

  • Stress: Con l’avvicinarsi della data prevista, una persona può sentirsi preoccupata per il parto o sopraffatta dall’idea di diventare genitore. Questo può influire sul sonno nelle settimane precedenti il travaglio.

  • Condizioni di salute mentale: Ansia, depressione e altre condizioni di salute mentale possono influire sul sonno durante la gravidanza. Ciò può derivare da un peggioramento di una condizione preesistente o da una nuova condizione che si sviluppa durante la gravidanza.

  • Reflusso acido: Può verificarsi durante la gravidanza e può peggiorare quando si è sdraiati. Il reflusso acido può svegliare la persona durante la notte, causando insonnia.

  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): Secondo uno studio del 2020, il 20% delle persone in gravidanza soffre di RLS. Può verificarsi a causa di carenze nutrizionali.

  • Respirazione disturbata dal sonno: anche il russare e l’apnea ostruttiva del sonno (OSA) possono verificarsi durante la gravidanza e disturbare il sonno. In uno studio del 2019 condotto su 267 persone in gravidanza, il 30,6% ha riferito di russare.

cause Insonnia prima del travaglio
cause Insonnia prima del travaglio

Gestire l’insonnia in gravidanza

  • Cura del sonno: Limitare la caffeina, andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno, dormire in una stanza fresca e buia, utilizzare il letto solo per dormire o per fare sesso, limitare l’uso di schermi e dispositivi prima di andare a letto, regolare i cuscini e la biancheria da letto per garantire il comfort.

  • Modifiche dello stile di vita: Misure come l’esercizio fisico durante il giorno, l’assunzione di liquidi durante il giorno ma limitati durante la notte, la gestione dello stress o l’evitare i cibi che possono causare bruciore di stomaco possono essere d’aiuto.

  • Terapie di dialogo: La psicoterapia può aiutare le persone con stress, ansia o depressione. La terapia cognitivo-comportamentale per l’insonnia (CBTi) può essere particolarmente utile se l’insonnia è un problema persistente.

  • Farmaci: Alcuni farmaci per il sonno non sono sicuri durante la gravidanza. Tuttavia, la difenidramina è un farmaco a basso rischio che può fornire un sollievo a breve termine. Prima di provare qualsiasi farmaco, è bene discuterne i rischi e i benefici con il medico.