Intolleranza al fruttosio: cosa mangiare e cosa non mangiare

·2 minuto per la lettura
intolleranza fruttosio
intolleranza fruttosio

L’intolleranza al fruttosio è una patologia che interessa le persone che sono intolleranti allo zucchero contenuto nella frutta e ad una serie di alimenti dove il prodotto è utilizzato come dolcificante. Vediamo quindi cosa può mangiare chi è intollerante al fruttosio.

Intolleranza al fruttosio: i sintomi

Non è facile identificare con esattezza un’intolleranza al fruttosio, dato che ogni persona può reagire diversamente a tale scenario. Infatti alcuni pazienti potrebbero soffrire di diarrea e vomito, danni al fegato e ai reni e nel lungo termine anche di ipoglicemia, mentre altri potrebbero presentare sintomi molto più lievi.

Intolleranza al fruttosio: come identificarla?

Il primo step per diagnosticare l’intolleranza al fruttosio è un esame fisico, dove si riscontra un eventuale ingrossamento della milza e del fegato. Un colorito della pelle molto pallido è un altro indizio dell’intolleranza al fruttosio. Successivamente si passa ad approfondire la questione effettuando specifici test e analisi del sangue che potrebbero confermare o meno la diagnosi, come studi sugli enzimi, test di coagulazione del sangue ed esami del livello degli zuccheri nel sangue.

Intolleranza al fruttosio: qual è la dieta da seguire?

Una volta identificata l’intolleranza al fruttosio, la persona interessata dovrà seguire una dieta specifica. Si possono quindi consumare senza problemi il pesce, le carni e le uova e i formaggi freschi. Si possono consumare anche una gran varietà di legumi e verdure, come fagioli, spinaci, ceci, soia e lenticchie.

Chi è intollerante al fruttosio dovrà anche fare attenzione ai farinacei che consuma: questi prodotti possono essere consumati solo se preparati con farine naturali, come la farina di riso, segale, orzo, mais, grano e avena.

Intolleranza al fruttosio: gli alimenti vietati

Chi soffre di intolleranza al fruttosio non può consumare una serie di cibi come il latte e i suoi derivati zuccherati, come latte in polvere e yogurt. Sono assolutamente da escludere frutta fresca e frutta secca, come ange vegetali come pomodori, carote, barbabietole, asparagi e carciofi.

Infine, bisogna escludere tutti quei prodotti a base di farine industriali zuccherate, nonché tutte quelle bevande dolci che contengono fruttosio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli