Intolleranza al fruttosio: la proposta naturale accompagnata alla dieta

·2 minuto per la lettura
Fruttosio
Fruttosio

Spesso chi soffre di intolleranza al fruttosio non conosce l’alimentazione più adeguata da seguire. Il fruttosio è uno zucchero semplice, che solitamente viene consumato sotto forma di saccarosio, il quale si scompone all’interno dell’intestino rilasciando glucosio e fruttosio. I problemi sorgono quando viene meno l’assorbimento o la semplice metabolizzazione della suddetta sostanza.

Intolleranza ereditaria al fruttosio: rimedi

Nel soggetto, il processo di metabolizzazione del fruttosio è influenzato da un errore genetico che causa la carenza di un enzima che interviene nelle reazioni biochimiche dell’organismo. Chi ne soffre dovrebbe seguire una rigorosa dieta senza fruttosio, consumando al massimo 1/2 grammi di questo zucchero.

Tra gli alimenti ammessi vi sono:

  • Carne e pesce: rigorosamente freschi.

  • Cereali e derivati: avena, farina di frumento, mais, pane bianco, riso, segale.

  • Dolcificanti: ciclamato, sciroppo di glucosio, saccarina.

  • Frutta, occasionalmente: avocado, olive mature.

  • Verdure: bietole, broccoli, spinaci, patate, funghi, scarola. E un consumo limitato di: cavolfiore, crescione, cavoli, cetrioli, lattuga, sedano.

Non sono ammessi alimenti come: carne e pesce lavorati, bevande di soia, latte condensato, pomodori e yogurt alla frutta.

Intolleranza al fruttosio: il malassorbimento e i rimedi

A differenza dei soggetti intolleranti, non sussiste un vero e proprio errore genetico, ma le cellule intestinali dei soggetti non sono in grado di assorbire in maniera completa o parziale il fruttosio, manifestando sintomi gastrointestinali. La dieta da seguire varia a seconda del livello di malassorbimento: un’intolleranza totale comporterà una dieta simile a quella dei soggetti con intolleranza ereditaria; mentre un’intolleranza parziale -più frequente- permetterà il consumo di alimenti a basso contenuto di zucchero. Ammesso in quantità moderata il consumo di alimenti con alto contenuto di fruttosio.

Alimenti con alto contenuto di fruttosio ammessi:

  • Albicocche essiccate, cachi e ciliegie

  • Mele, pere e uva

  • Prugne e cirimoia

Alimenti con basso contenuto di fruttosio ammessi:

  • Carciofi, melanzane e funghi

  • Carne e pesce fresco

  • Latte, formaggio e uova

  • Nocciole e castagne

  • Papaia, avocado e noce di cocco

Intolleranza al fruttosio: la proposta naturale

In entrambi i casi, sia per quanto riguarda un’intolleranza completa che un malassorbimento, è consigliata l’assunzione di integratori a base di vitamina C. Consigliato anche l’acido folico, poichè aumenta l’attività degli enzimi glicolitici, e tra questi, il fruttosio-1-fosfato aldolasi, permettendo di consumare una leggera quantità extra di fruttosio senza subire spiacevoli conseguenze.

LEGGI ANCHE: Meglio lo zucchero o il fruttosio