Israele elegge la prima donna a capo dell'ebraismo ortodosso

Di Elena Fausta Gadeschi
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Europa Press News - Getty Images
Photo credit: Europa Press News - Getty Images

Ci voleva Shira Marili Mirvis per far crollare le ultime resistenze dell'ebraismo ortodosso nei confronti delle donne. Sarà infatti lei la prima rabbina chiamata a guidare la sinagoga Shirat Hatamar nell'insediamento di Efrat in Cisgiordania, roccaforte della frangia più conservatrice della religione ebraica. Sebbene altre donne abbiano servito come leader spirituali nelle comunità ortodosse in Israele, finora il loro ruolo era ammesso sempre e solo al fianco di un uomo, che era il rabbino della comunità. Oggi invece, con il sostegno dell'83% dei membri votanti della sinagoga e a 86 anni di distanza da Regina Jonas, la prima donna ordinata rabbino in Germania, Mirvis guiderà la propria comunità nella lettura e nella comprensione dei Mitzvot, i 613 precetti fulcro della religione ebraica contenuti nella Torah.

Photo credit: Image Source - Getty Images
Photo credit: Image Source - Getty Images

Laureata a un corso di studi quinquennale presso il Susi Bradfield Women's Institute of Halakhic Leadership (WIHL), una divisione dell'istituto Ohr Torah Stone che gestisce un corso per donne in Halakhah, il corpo di pensiero religioso che prescrive la vita ortodossa, dallo scorso giugno Shira Marili Mirvis ha la qualifica di leader spirituale e, in quanto tale, è titolata a guidare la sinagoga Shirat Hatamar in virtù di una recente sentenza del procuratore generale Avichai Mandelblit, in base alla quale il governo israeliano riconosce uguale valore agli studi della Torah femminile e agli studi della Torah maschile. "Sono profondamente grata alla comunità di Shirat Tamar per avermi dato questa opportunità che vedo come una naturale continuazione del mio ruolo di insegnante e leader comunale", ha detto Mirvis in una dichiarazione alla stampa riportata da The Jerusalem Post. "La mia sincera preghiera è che Hashem [Dio] mi guidi e mi rafforzi in questo importante ruolo, permettendomi di diffondere la Parola della Torah".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Nell'annunciare l'elezione di Mirvis, il consiglio della sinagoga Shirat Tamar ha definito questo traguardo "un chiaro riconoscimento dei suoi notevoli risultati come insegnante e leader della comunità. Siamo fiduciosi che continuerà a fungere da vero modello". Madre di sei figli, negli ultimi anni Mirvis è diventata un'insegnante molto richiesta sia all'interno della sua comunità a Efrat che su Internet, dove insegna Talmud attraverso un popolare vlog settimanale. La neo-rabbina è anche membro della società di sepoltura locale e nonché stimata giudice, punto di riferimento per le persone di tutto il mondo per le questioni halakhtiche, quelle cioè relative all'intero corpo normativo della tradizione ebraica contenuto nelle Scritture. Già a capo di un centro di studi religiosi, nella comunità di Efrat Mirvis si offre volontaria per assistere le donne durante l'immersione del Mikveh, il bagno rituale purificatorio da effettuarsi al termine di ogni ciclo mestruale, dopo il parto o dopo il rapporto sessuale con il proprio coniuge.

Photo credit: Robert Nicholas - Getty Images
Photo credit: Robert Nicholas - Getty Images

"La possibilità di assumere il ruolo di rabbino da parte di Shira Mirvis rappresenta un momento importante in quanto riconosciamo che il posto delle donne nella leadership ebraica può andare pienamente di pari passo con la Halakhah e la nostra Mesorah (tradizione, ndr)", ha detto Rabbi Kenneth Brander, presidente e capo della yeshiva di Ohr Torah Stone. "Sono profondamente fiduciosa quando dico che guarderemo indietro a questo momento come a un momento che ha spianato una nuova direzione per il giusto posto delle donne leader spirituali all'interno della comunità ortodossa". Il direttore del WIHL Rabbi Devorah Evron ha detto che Mirvis è "ben posizionata per guidare questa comunità con spirito di conoscenza e cuore aperto". E ha aggiunto: "Non c'è dubbio che questo è un grande passo sia per lei, personalmente, che anche per il riconoscimento della leadership femminile rispetto alla Torah nelle comunità ebraiche in Israele e in tutto il mondo". Anche il Movimento Masorti in Israele ha accolto con favore la notizia: "Quando rompi il soffitto di cristallo lo fai per generazioni di donne per le quali i ruoli di leadership spirituale nel popolo ebraico sono obiettivi possibili e degni a cui possono mirare". Secondo la tradizione, scopo di ogni ebreo è quello di perseguire il principio del Tichun Olam, il processo cioè di miglioramento del mondo in base alle proprie possibilità. Ebbene oggi, grazie a Shira Marili Mirvis, il mondo sembra un po' meno imperfetto.