Ita, Aponte: vogliamo gestire la società, sinergie per crociere e cargo

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 gen. (askanews) - "Per noi la cosa principale è avere la maggioranza di Ita Airways. I tedeschi possono entrare come partner commerciale oppure anche come azionista di minoranza. Noi vogliamo gestire la società, altrimenti non faremmo questa operazione. Non vogliamo essere un sleeping partner (socio non operativo, ndr)". E' quanto ha dichiarato, in un'intervista al Corriere della Sera, Gianluigi Aponte, fondatore e presidente esecutivo di Msc, il gruppo interessato a rilevare una quota di maggioranza di Ita.

Se entrerete nell'azionariato, cambierete i vertici? "Ita Airways ha già un ottimo management, che rimarrà al suo posto - ha risposto - Noi faremo parte del consiglio di amministrazione, attraverso cui manifesteremo le nostre idee per lo sviluppo del gruppo". Ossia, spiega Aponte, "la realizzazione di sinergie con il nostro business, tanto sul versante delle crociere quanto su quello del trasporto merci". Per le crociere, per esempio, "vogliamo facilitare l'afflusso dei passeggeri nei porti italiani dove attraccano le nostre navi. E in quelli esteri, come Miami negli Stati Uniti o Dubai negli Emirati Arabi".

A che punto sono i colloqui con Lufhtansa? "Stiamo parlando, i contatti naturalmente proseguono - ha spiegato Aponte -, è una grande società quotata e ha bisogno dei suoi tempi per decidere". Con Ita, invece, "abbiamo esplicitato il nostro interesse al presidente Alfredo Altavilla".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli