Italia, nel 2020 +77% di minori vittime reati online

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Dati della Polizia Postale alla mano, sono stati 4.208, nel 2020, i minori vittime di reati online come pedopornografia, adescamento, cyberbullismo, sextortion, truffe e furto di identità digitale. Un bilancio che risente di un aumento del 77% rispetto al 2019, quando le vittime minorenni erano state 2.379.

VIDEO - 5 domande su...il Cyberbullismo

L’allarme viene lanciato in occasione del Safer Internet Day e della diretta streaming di #cuoriconnessi, l'evento di Polizia e Unieuro dedicato alla lotta contro il cyberbullismo. Alla base di questo incremento, spiegano gli investigatori della Postale, non c’è solo "lo sviluppo esponenziale della tecnologia" o "la formidabile attrazione subita dai bambini e dai ragazzi verso il mondo dei social", ma anche "il lungo periodo di lockdown che ha costretto l'intera popolazione a rivedere le proprie abitudini in numerosi ambiti, comportando uno spostamento di molte attività sulla rete e facendo registrare, in tal modo, anche una notevole presenza dei minori online".

VIDEO - Pedopornografia su Telegram e Whatsapp, coinvolti in oltre 400

Solo pedopornografia online è aumentata nel 2020 del 132% rispetto all’anno precedente (3.243 casi contro 1.396). Motivo "di forte preoccupazione", proseguono gli investigatori, è l’incremento dei casi di adescamento di minori online, soprattutto per quanto riguarda la fascia d'età 0-9 anni: dai 14 casi denunciati 2 anni fa si è passati ai 26 del 2019 e ai 41 del 2020.

VIDEO - Pedopornografia, due arresti Roma: foto appese in camera come quadri