Iva Zanicchi a Le Iene, monologo: "Ero disperata, ma ho vinto le mie paure"

·2 minuto per la lettura
iva zanicchi iene monologo
iva zanicchi iene monologo

Iva Zanicchi, a Le Iene per sostituire Ornella Vanoni, ha affiancato in modo impeccabile Nicola Savino. L’Aquila di Ligonchio ha portato in scena un monologo personale, che ha fatto breccia nel cuore dei telespettatori.

Iva Zanicchi a Le Iene: il monologo

A Le Iene per sostituire Ornella Vanoni, ancora in convalescenza dopo una brutta caduta, Iva Zanicchi ha portato in scena un monologo personalissimo. Parlando della prossima partecipazione al Festival di Sanremo, l’Aquila di Ligonchio ha invitato tutti a inseguire sempre i sogni. Non bisogna mai arrendersi davanti alle porte chiuse in faccia e alle sconfitte, perché il sole arriva sempre. Il monologo, non a caso, è piaciuto tantissimo ai telespettatori.

Le Iene, Iva Zanicchi: il monologo piace ai fan

Iva ha esordito:

“Tra pochi giorni compirò 82 anni e tornerò a Sanremo. La prima volta è stata nel 1965. Sono scesa dal treno con la valigia di cartone, insieme a mia sorella e alla sartina che mi aveva cucito l’abito. L’emozione, però, era troppa. Non ho cantato, ho belato. Sono stata subito eliminata. Ero disperata. Dicevano che dovevo cambiare mestiere. Ma io sapevo di avere qualcosa di magico: la mia voce. Ci ha creduto un collega, mentre cercavo una canzone per riscattarmi. Era Giorgio Gaber”.

La Zanicchi ha avuto una carriera ricca di soddisfazioni, ma ha faticato, e non poco, per arrivare dov’è oggi. Tante sono state le porte in faccia, ma lei non si è mai persa d’animo perché ha trovato sul suo cammino persone che hanno creduto in lei.

Le Iene, Iva Zanicchi: il monologo è un appello rivolto a tutti

Iva ha proseguito:

“Grazie a lui (Gaber, ndr) la mia carriera non è finita e sono tornata a Sanremo. Ma mi hanno fischiato ancora. Poi ho scoperto che quei fischi non erano per me, ma per la giuria che aveva appena eliminato Adriano Celentano con Il ragazzo della via Gluck. Quella sera ho cantato lo stesso. Non avevo vinto Sanremo, ma avevo vinto le mie paure. Poi, certo, ho vinto anche Sanremo. Tre volte. Perché io so perseverare. E tra qualche giorno, quando sarò circondata da colleghi che fanno rap o trap, non avrò paura di cantare la melodia che amo, nonostante il tempo che è passato. Perché io sono ancora qui. E non ho intenzione di mollare finché con me ci sarà la mia voce”.

La Zanicchi tornerà al Festival di Sanremo 2022 con la canzone intitolata Voglio amarti e i fan non vedono l’ora di ascoltarla.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli