J&J, booster protegge al 75% da forme sintomatiche e 100% da gravi

·3 minuto per la lettura

"Siamo lieti del parere positivo espresso oggi dal Chmp", il Comitato per i medicinali a uso umano dell'Agenzia europea del farmaco Ema, "che sostiene l'uso del nostro vaccino contro il Covid-19 come richiamo per i soggetti" che hanno i requisiti "in Europa, indipendentemente dal vaccino che ricevono inizialmente". Sono le parole con cui Loredana Bergamini, direttore medico di Janssen Italia, accoglie la raccomandazione diffusa oggi dall'Ema in relazione al booster con il vaccino J&J.

Johnson & Johnson evidenzia che questa raccomandazione si basa su dati che dimostrano che un booster (seconda dose) del vaccino J&J ha aumentato la protezione al 75% contro le forme sintomatiche di Covid (da moderate a gravi/critiche) a livello globale. I dati - spiega la compagnia in una nota - hanno anche dimostrato una protezione del 100% contro le forme gravi, almeno 14 giorni dopo la vaccinazione di richiamo. Il sì di Ema è arrivato sia per la somministrazione come booster almeno 2 mesi dopo la dose singola dello stesso vaccino dai 18 anni in su, sia come richiamo eterologo dopo le due dosi di un vaccino a mRna.

"Durante il processo di ricerca e sviluppo abbiamo fornito dati che dimostrano che il vaccino di Johnson & Johnson contro Covid fornisce una protezione duratura quando somministrato come dose singola. Il nostro recente studio di Real World Evidence ha rilevato che ha garantito l'81% di efficacia contro le ospedalizzazioni correlate al Covid-19 - evidenzia Bergamini - Ora abbiamo dati che dimostrano che, quando viene somministrata una dose di richiamo, la forza della protezione aumenta ulteriormente. Questo è davvero importante per sottolineare che il nostro vaccino gioca un ruolo cruciale a livello globale per aiutare a porre fine a questa pandemia".

Il vaccino, se somministrato come richiamo o come vaccinazione primaria, è stato generalmente ben tollerato, senza nuovi segnali di sicurezza osservati nello studio Ensemble 2 a due dosi rispetto agli studi a dose singola. Il pacchetto di dati esaminato dal Chmp comprendeva anche i risultati di molteplici studi di Real World Evidence (Rwe), compreso quello precedentemente annunciato dall'azienda che ha dimostrato stime simili di efficacia del vaccino con quelle osservate nei suoi studi clinici randomizzati, si legge nella nota dell'azienda. Le stime dell'efficacia sono rimaste stabili "senza alcuna prova di riduzione dell'efficacia nel tempo prima che la variante Delta emergesse e dopo che è diventata il ceppo dominante negli Stati Uniti da marzo ad agosto (i dati di sequenziamento non erano disponibili per l'analisi)".

La raccomandazione del Chmp è supportata dagli ultimi dati relativi al richiamo eterologo con il vaccino J&J. I dati ad interim dello studio MixNMatch del National Institute of Allergy and Infectious Disease (Niaid) hanno dimostrato che un richiamo del vaccino J&J aumenta la risposta immunitaria indipendentemente dalla vaccinazione primaria di una persona.

Un secondo studio del Beth Israel Deaconess Medical Center, comprendente un sottogruppo di partecipanti allo studio Cov2008 promosso da Janssen, ha dimostrato i potenziali benefici del richiamo eterologo: una dose booster J&J somministrata 6 mesi dopo un regime primario a due dosi del vaccino Pfizer/BioNTech ha aumentato sia le risposte anticorpali che quelle delle cellule T. In questi partecipanti, gli anticorpi hanno continuato ad aumentare per almeno 4 settimane, mentre negli individui che hanno ricevuto un richiamo omologo con il vaccino Bnt162b2 gli anticorpi sono diminuiti dalla seconda alla quarta settimana dopo il richiamo, risultando in livelli anticorpali simili in entrambi i gruppi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli