Jazz:Re:Found 2020, il festival diventa digitale ed è più vivo che mai

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Denis Longhi
Photo credit: Denis Longhi

From Esquire

In un anno in cui la musica dal vivo è quasi scomparsa esistono nuove strade da percorrere, nuovi linguaggi e idee. Una di queste è sicuramente il Festival Jazz:Re:Found, parte della serie Place To Be progetto di IMF (Italian Music Festivals) promosso e patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che attraverso la musica veicola valori artistici e turistici del territorio italiano.

Grazie a una collaborazione con Ford e alla sua nuova gamma di veicoli commerciali Plug-In-Hybrid, Jazz:Re:Found continua (dopo 12 anni di attività) a proporre esperienze musicali coinvolgenti, immersive, originali e indimenticabili.

Photo credit: Denis Longhi
Photo credit: Denis Longhi

In questa stagione così particolare il Festival si trasforma in una versione digitale, creando tre videoracconti inediti di altrettanti live che verranno trasmessi in streaming sui canali social di Jazz:Re:Found.

Questo nuovo progetto oltre a portare sul palco i più interessanti musicisti e producer italiani, racconta il nostro territorio, esaltandone le bellezze naturalistiche e monumentali. In questi tre live senza pubblico gli artisti hanno raggiunto le tre locations a bordo di due Ford Tourneo Custom Plug-In Hybrid e un Ford Transit Custom Plug-In Hybrid. Auto ibride che si sposano con territori ibridi, a metà tra più elementi e dall'anima divisa tra diverse pulsioni.

Photo credit: Denis Longhi
Photo credit: Denis Longhi

I nomi degli artisti sono ancora segreti e saranno svelati durante un countdown sui social. Il primo appuntamento è il 9 novembre ad Alasso - Pontile Bestoso. Il secondo è il 16 novembre a Orta San Giulio. E il terzo il 23 novembre a Forte di Fenestrelle.

Questi tre magnifici luoghi sono legati dallo stage dove si esibiranno i musicisti: un'installazione in legno a forma geoidale che ricorda l'attenzione e l'impegno verso il nostro pianeta. Un'esperienza all'insegna della sostenibilità e del valore dei nostri territori, temi da sempre cari a Jazz:Re:Found.

Photo credit: Denis Longhi
Photo credit: Denis Longhi