Jennifer Lopez consumata dal lavoro: «La svolta dopo un attacco di panico»

Jennifer Lopez ha deciso di rivoluzionare il suo stile di vita dopo un violento attacco di panico.

Oggi la star pone molta attenzione sul benessere e la cura di se stessa, ma in passato la diva del pop ha più volte sacrificato la sua salute psico-fisica per la carriera e il successo, patendone brutalmente le conseguenze.

«C’è stato un periodo della mia vita in cui dormivo dalle 3 alle 5 ore a notte. Ero sul set tutto il giorno e in studio di registrazione tutta la notte. Poi partivo per lunghi viaggi per girare dei video-clip nei weekend», ha scritto nella sua newsletter On the JLo. «Avevo poco più di 20 anni e mi credevo invincibile. Fino a quando un giorno, ero seduta in una roulotte e tutto il lavoro e lo stress accumulato, insieme alla privazione di sonno per riprendermi mentalmente, mi hanno sopraffatta».

«Era come se non riuscissi a muovermi», ha rivelato Jennifer, che ricorda ancora il grande spavento. «E non riuscivo a vedere chiaramente».

«Ora so che si era trattato di un tipico attacco di panico, causato da un esaurimento, ma fino ad allora non ne avevo mai sentito parlare».

La 52enne così decise di recarsi da un medico, che le consigliò di mettere la sua salute al primo posto.

«Domandai al dottore se stessi per diventare pazza, e lui mi rispose: “No, non sei pazza. Hai bisogno di dormire dalle 7 alle 9 ore a notte, non bere caffeina e di allenarti a casa, se ti succede di lavorare ancora così tanto”», ha raccontato l’attrice e cantante. «Mi resi così conto di quanto serie potessero essere le conseguenze del continuare a ignorare i bisogni del mio corpo e della mia mente. Ed è stato lì che è iniziato il mio percorso verso il benessere».

Oggi J-Lo vive una vita «salutare e bilanciata» e ha scelto un approccio «pro-vita e non anti-age».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli